Cronaca

Coronavirus, test positivo nell'aretino: scatta la sorveglianza

Si tratta di una donna, collega di una paziente malata fiorentina. Era già in isolamento volontario, con i sintomi febbrili ha avvisato la Asl che ha attivato la procedura

Un nuovo caso sospetto positivo al Coronavirus è stato registrato ieri sera, 1 marzo, nel territorio di competenza della Asl sud est, in provincia di Arezzo. Si attende la validazione da parte dell'Istituto superiore di sanità. La donna si trova in sorveglianza attiva domiciliare. Dagli approfondimenti epidemiologici subito attivati è risultata essere un contatto stretto della paziente fiorentina (sua collega) recatasi nei giorni scorsi a Milano, ricoverata nel reparto di malattie
infettive dell'ospedale di Ponte a Niccheri, 'clinicamente guarita' e da domani a casa in isolamento domiciliare. La donna aretina era in autoisolamento
volontario
dal momento in cui ha appreso della positività della collega: ha contattato il numero verde della Asl sud est nella serata di
ieri, in stato febbrile, tale da richiedere il tampone.

Le condizioni di salute della paziente sono discrete e constantemente monitorate. Non destano preoccupazione gli altri assistiti del sistema sanitario toscano, stabili e in alcuni casi in miglioramento.

Dal monitoraggio giornaliero risulta che in Toscana ci sono, ad oggi lunedì 2 marzo, 944 persone in isolamento domiciliare di cui 480 prese in carico attraverso i numeri dedicati, attivati da ciascuna Asl. Si tratta di 251 casi nella Asl centro (Firenze - Empoli - Prato - Pistoia), di 104 casi nella Asl nord ovest (Lucca - Massa Carrara - Pisa - Livorno) e di 125 casi in quella sud est (Arezzo - Siena - Grosseto).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, test positivo nell'aretino: scatta la sorveglianza

PisaToday è in caricamento