Giovedì, 29 Luglio 2021
Cronaca

Vaccini agli Over 80, Puccetti (Fimmg): "Campagna condizionata dalle poche dosi, ma c'è organizzazione"

Lunedì 15 febbraio partirà la fase della campagna vaccinale dedicata agli Over 80. Il segretario provinciale di Fimmg Luca Puccetti spiega: "Rimangono delle criticità da superare, ma tutti verranno vaccinati. Nessuno rimarrà indietro"

Sul calendario la data del 15 febbraio è cerchiata di rosso, ma nessuna paura se, all'atto pratico, la campagna vaccinale degli Over 80 entrerà nel vivo con qualche giorno di ritardo. Lo assicura Luca Puccetti, segretario provinciale della Fimmg (Federazione italiana dei medici di medicina generale), da quasi un anno in prima fila nella lotta al Coronavirus e seduto al tavolo di coordinamento tra medici di base, Aziende sanitarie e Regione. "Purtroppo la scarsa certezza su tempistiche e quantità delle dosi di vaccino inviate all'Italia non consente una pianificazione rigorosa e fissa - spiega - dobbiamo modulare di volta in volta, in base al numero di fiale ricevute dalla Toscana, il programma delle vaccinazioni. Ma posso dire con fiducia che nessuno rimarrà indietro".

Lunedì 15 febbraio dovrebbe partire la fase dedicata alla fascia di popolazione che ha pagato il prezzo più caro, in termini di vite, alla pandemia: gli anziani Over 80. "Il condizionale è d'obbligo, anche se verosimilmente per quel giorno la macchina sanitaria si metterà in moto" afferma il segretario provinciale Fimmg. "Probabilmente dovremo attendere ancora qualche giorno in più per innestare le marce più alte - continua Luca Puccetti - ma l'avvio delle vaccinazioni non dovrebbe subire ritardi. Discorso diverso invece per la mole delle dosi iniettate: a un numero ristretto di fiale a disposizione dei medici di medicina generale, corrisponderà una quantità inferiore di persone vaccinate".

Il segretario provinciale delle Federazione dei medici di base si addentra nelle altre criticità riscontrate al tavolo di lavoro con le Aziende sanitarie e la Regione Toscana: "L'impossibilità di utilizzare il siero Astrazeneca per gli Over 80 ci impone di dotarci delle fiale Pfizer e Moderna. Queste necessitano di un sistema di conservazione molto più oneroso e, nel caso del Pfizer, dobbiamo anche rispettare tempistiche molto ristrette: non può essere inoculato a domicilio perché dopo la diluizione non può essere movimentato. Il Moderna invece rimane efficace per 5-6 ore: ciascuna fiala serve a 11 dosi".

Altro tema caldo quello della sicurezza, sia dei sanitari che degli anziani: "Serve grande prudenza nel maneggiamento delle fiale - sottolinea Puccetti - non stiamo parlando di un siero simile a quello antinfluenzale con il quale lavoriamo da tantissimi anni. Per gli interventi che effettueremo a domicilio, inoltre, verosimilmente dovremo muoverci in coppia: le procedure sono molte e una sola persona corre il rischio di allungare troppo i tempi". Luca Puccetti aggiunge che "il confronto in questo senso con le Aziende sanitarie e la Regione sta arrivando a un punto di incontro. Una prima soluzione tampone è la vaccinazione nei distretti sanitari locali, e poi a lungo termine immagino che verranno individuate delle strutture fisse".

Luca Puccetti snocciola anche qualche dato per evidenziare la portata del lavoro al quale, dal 15 febbraio, saranno sottoposti i medici di medicina generale: "Ciascun operatore mediamente ha tra i 130 e i 170 pazienti anziani, dei quali circa il 10% dovrà essere vaccinato a domicilio. Ma non ci facciamo spaventare dalla mole della campagna: nessuno rimarrà indietro, su questo c'è una convinzione unanime". La procedura per l'approvvigionamento dei medici di base ricalcherà quella svolta per il siero antinfluenzale: "Le farmacie territoriali faranno da tramite per le dosi prenotate da ciascun medico - commenta Puccetti - sarà nostra cura spiegare con precisione agli anziani e alle rispettive famiglie che ci dovrà essere la massima precisione nella prenotazione. Non possiamo permetterci di 'sprecare' dosi per improvvise rinunce".

Dalle prime previsioni abbozzate con la Regione, "la campagna vaccinale degli Over 80 durerà per un paio di mesi, forse tre" aggiunge Luca Puccetti. "In linea generale da parte degli anziani e delle loro famiglie abbiamo riscontrato un'ampia adesione al vaccino - conclude il segretario provinciale Fimmg - in tanti hanno chiesto informazioni e sono pronti a sottoporsi alla profilassi. Probabilmente seguiremo uno schema basato sull'età: dapprima i più anziani, via via a scalare verso gli 80 anni. E ci sarà una precedenza alle coppie: sarebbe un controsenso non vaccinare contemporaneamente marito e moglie".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vaccini agli Over 80, Puccetti (Fimmg): "Campagna condizionata dalle poche dosi, ma c'è organizzazione"

PisaToday è in caricamento