Domenica, 13 Giugno 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Vaccinazioni in Toscana, Giani: "Rimane in campo l'obiettivo di 50.000 somministrazioni al giorno"

L'obiettivo è l'immunità di gregge entro il 30 settembre per il presidente Giani. "Abbiamo la certezza che a giugno arriveranno in Toscana un milione di vaccini e saranno tutti somministrati"

L'obiettivo di 50.000 vaccinazioni al giorno in Toscana "rimane in campo. Si raggiunge quando ci danno i vaccini". A sottolinearlo, come riporta l'agenzia Dire, è il presidente della Regione, Eugenio Giani in risposta ai giornalisti nel corso dell'inaugurazione dell'hub vaccinale della Baker Hughe-Nuovo Pignone, allestito dall'azienda per il proprio personale. "Abbiamo ordinativi, quindi potenzialità di vaccinazioni, che a giugno si avvicinano a un milione, ovvero una media di 33.000 somministrazioni al giorno", continua il presidente. E se ieri sono state iniettate 31.000 dosi, "nella parte finale del merse le cifre aumenteranno, proprio perché si incrementeranno le potenzialità con le vaccinazioni aziendali". Tuttavia "sto con i piedi molto per terra: in questo momento abbiamo la certezza che arriveranno in Toscana un milione di vaccini a giugno e state tranquilli che saranno tutti somministrati". Il traguardo, quindi, resta sempre lo stesso: arrivare all'immunità di gregge entro il 30 settembre. "Dobbiamo approfittare di questi quattro mesi. E se le bocche di fuoco sono molte (hub pubblici e aziendali, medici di famiglia, i farmacisti che inizieranno domani), abbiamo più rapidità ed efficacia nella copertura vaccinale", osserva. Il senso della fine di settembre come orizzonte per la messa in sicurezza della popolazione sta in quel che è successo lo scorso anno: "La curva dei contagiati - ricorda Giani- ripartì dal 4 all'11 ottobre. Lo so bene, perché formalmente sono entrato in carica l'8 ottobre e potete immaginare cosa furono i primi giorni. Di solito sono quelli in cui ti godi questo traguardo raggiunto nella vita, invece quei giorni in cui vedevi raddoppiare i contagiati per me furono un tormento". Oggi, però, "godiamo di una condizione ambientale favorevole, perché sappiamo che questo è un virus che, nei mesi in cui la temperatura supera i 25 gradi, rallenta in modo naturale".

Si parla di

Video popolari

Vaccinazioni in Toscana, Giani: "Rimane in campo l'obiettivo di 50.000 somministrazioni al giorno"

PisaToday è in caricamento