menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Corrieri Amazon: indetto lo sciopero generale, presidio a Montacchiello

Lanciata da Filt Cgil, Fit Cisl, UilTrasporti ed Assoespressi la mobilitazione per il 22 marzo

La trattativa tra Filt Cgil, Fit Cisl, UilTrasporti ed Assoespressi, sulla piattaforma per la contrattazione di secondo livello della filiera Amazon, si è interrotta: sarà sciopero generale. Lo hanno deciso proprio i sindacati, "a causa dell’indisponibilità dell’associazione datoriale ad affrontare positivamente le tematiche poste dal sindacato". Le sigle denunciano "la latitanza di Amazon sul tavolo del delivery e l’assenza di risposte della multinazionale americana in relazione alla prosecuzione del confronto, avviato a gennaio scorso, relativamente al personale dipendente ed a quello che opera negli appalti dei servizi di logistica".

La mobilitazione è lanciata per le 24 ore del giorno 22 marzo. E' previsto un presidio presso la sede del centro di Montacchiello in via Calabresi dalle 9.30 alle 12, azione simile verrà fatta anche a Calenzano in via Baldanzese. Nel dettaglio le rivendicazioni dei lavoratori Filt, Fit e Uiltrasporti riguardano tutto il personale dipendente di Amazon Logistica Italia a cui è applicato il CCNL Logistica, Trasporto Merci e Spedizione, Amazon Transport Italia e di tutte le società di fornitura di servizi di logistica, movimentazione e distribuzione delle merci che operano per Amazon Logistica ed Amazon Transport.

Si chiede: "Verifica dei carichi e dei ritmi di lavoro imposti nella filiera Amazon; verifica e contrattazione dei turni di lavoro; corretto inquadramento professionale del personale; riduzione dell’orario di lavoro dei driver; buoni pasto; adeguato importo dell’indennità di trasferta; clausola sociale e continuità occupazionale in caso di cambio appalto o cambio fornitore, per tutti; premio di risultato contrattato; indennità Covid per operatività in costanza di pandemia; stabilizzazione tempi determinati e lavoratori interinali". In Toscana sono coinvolti circa 800 tra dipendenti diretti e indiretti (appalti e delivery).

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Covid, la Toscana passa in zona arancione

  • Eventi

    I film in uscita ad aprile su Amazon Prime Video

Torna su

Canali

PisaToday è in caricamento