rotate-mobile
Lunedì, 6 Dicembre 2021
Cronaca

La cultura costituzionale entra nelle scuole della provincia

Trentasette classi di 16 istituti superiori vanno a lezione di Costituzione a 70 anni dalla sua entrata in vigore

Partirà nei prossimi giorni e si concluderà ad aprile il progetto di 'Cultura Costituzionale' promosso da Anpi, ufficio scolastico regionale e conferenza dei sindaci per l'educativo della provincia di Pisa, in attuazione di quanto previsto da un protocollo d’intesa sottoscritto nel 2015. Il progetto è finalizzato alla conoscenza della Costituzione ed alla formazione di una solida coscienza democratica fra i giovani delle scuole secondarie di secondo grado e si avvale di un rapporto di collaborazione con la Domus Mazziniana e con il 'Laboratorio di cultura costituzionale' dei dipartimenti di Giurisprudenza e di Scienze Politiche dell'Università di Pisa.

"Un progetto a cui lavoriamo da molto tempo - ha sottolineato Bruno Possenti, presidente Anpi provinciale - e che si affianca alle attività di divulgazione della Costituzione che già abbiamo in campo. Il coinvolgimento degli istituti superiori è fondamentale e la sinergia che abbiamo creato tra tutti i soggetti coinvolti da piena attuazione a ciò che avevamo previsto nel protocollo del 2015".

"Parleremo di Costituzione, del suo funzionamento, della sua attualizzazione fornendo ai ragazzi e alle ragazze strumenti critici - ha ricordato il prof Saulle Panizza del laboratorio di cultura costituzionale - faremo da tutor mettendo a disposizione l’attività di ricerca svolta da professori e da ricercatori. Un progetto ampio inserito all'interno della convenzione fra il Miur e l'associazione italiana dei costituzionalisti e dunque di portata nazionale". Soddisfatto anche il direttore della Domus Mazziniana, Pietro Finelli. "Le nostre attività - ha dichiarato Finelli - riprendono a pieno ritmo proprio con la collaborazione a questo progetto: forniremo il supporto storico e aiuteremo studenti e studentesse a ripercorrere questi 70 anni di Costituzione".

Le classi che hanno aderito al progetto sono 37, provenienti da 16 istituti superiori pisani. Gli studenti e le studentesse coinvolti avranno modo di  lavorare attivamente su tre ambiti di ricerca: uno di carattere storico, uno sui diritti e i doveri dei cittadini, uno sull'ordinamento della Repubblica e sul funzionamento delle Istituzioni. Gli studenti saranno affiancati da un giurista dell’Università che farà da tutor e inquadrerà il tema da analizzare in una lezione iniziale. I ragazzi e le ragazze dovranno poi produrre un elaborato che verrà presentato a fine anno scolastico nella giornata conclusiva del progetto. I tre migliori elaborati verranno premiati da una apposita commissione.

"Mi piace ricordare che nel 1948 - ha dichiarato il provveditore Giacomo Tizzanini - e per tutto quell’anno, la Costituzione venne affissa nella sale consiliari dei comuni Italiani affinché vivesse in mezzo alla gente il progetto con le scuole superiori ci consente di far vivere il testo Costituzionale e di attualizzarlo sperando che siano proprio i ragazzi e le ragazze a farsi portatori e testimoni della Cultura della Costituzione".

"Una tappa importante di un viaggio che da anni abbiamo iniziato con l'Anpi - ha concluso l'assessore Marilù Chiofalo - e che vede l’ amministrazione impegnata su molti fronti per promuovere attività di educazione alla cittadinanza attiva e alla Costituzione. Il testo costituzionale, con questo progetto,  entra nelle nostre scuole con il rigore scientifico di chi fa ricerca e cala i risultati nel quotidiano innescando un meccanismo virtuoso verso gli studenti e le studentesse e verso i loro insegnanti. Si tratta di un progetto estremamente attuale nel momento storico in cui viviamo e nel quale imperversano i populismi che portano al totale disimpegno delle persone nel partecipare alla crescita ed alla gestione della comunità".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La cultura costituzionale entra nelle scuole della provincia

PisaToday è in caricamento