Cronaca

Covid e scuola: 76mila euro ai plessi di Pisa per la didattica digitale

Fondi comunali e regionali andranno a potenziare le dotazioni tecnologiche, dato il perdurare dei limiti legati alle misure anti-contagio

Il Comune di Pisa si impegna per implementare la didattica digitale integrata in questo periodo pandemico. L'amministrazione ha infatti previsto con un indirizzo di Giunta lo stanziamento di 40mila euro per istituti comprensivi cittadini, fondi che "verranno a breve assegnati" annuncia in una nota. Al pari, rende noto che altre risorse sono state intercettate, grazie ad un bando regionale. E' così andata a buon fine la richiesta di concessione di contributi per la connettività ad internet in banda ultralarga inoltrata alla Regione Toscana, con riferimento alle scuole primarie e secondarie: l'ente territoriale ha concesso un finanziamento di 28mila euro per la connettività e di 8.500 euro per l’acquisto di dispositivi modem/router. Inoltre, saranno concessi in comodato d’uso gratuito 31 access point wifi. In totale fanno 76mila euro per potenziare gli strumenti di didattica digitale delle scuole pisane. 

“L’Amministrazione Comunale - ha dichiarato l’assessore alle politiche scolastiche Sandra Munno - ha ritenuto prioritario contribuire in maniera concreta a garantire a tutti gli studenti degli istituti comprensivi cittadini, la possibilità di usufruire delle attività di didattica digitale integrata. Abbiamo voluto fornire risposta immediata alle segnalazioni pervenute da parte di dirigenti scolastici e insegnanti in occasione della recrudescenza della pandemia, che ha costretto le scuole ad attivare la didattica in forma mista, in parte in presenza e in parte in distanza, aumentando così le criticità relative alla connettività di rete. Il nostro contributo è finalizzato a garantire standard omogenei del servizio per tutti gli studenti, in qualsiasi condizione sociale, nel pieno rispetto dei criteri di accessibilità per gli alunni con disabilità".

"Stiamo portando avanti come Amministrazione - ha aggiunto l’assessore all’impiego delle tecnologie digitali Giovanna Bonanno - il nostro concreto ausilio, in termini di implementazione della strumentazione e connessione ad internet, ai vari istituti scolastici della città. Con la partecipazione al bando della Regione Toscana ci siamo voluti assicurare ulteriori risorse da assegnare alle scuole, per contribuire a garantire, in ragione della diffusione della didattica a distanza, una maggiore efficienza delle attività da parte delle scuole e un uniforme svolgimento delle lezioni da parte degli studenti. Le risorse individuate tra Comune e bando regionale, per un totale di circa 76mila euro, forniranno un aiuto concreto agli insegnanti alle prese con piattaforme digitali per l’insegnamento a distanza e alle famiglie che potranno disporre di una migliore erogazione dei servizi".

Tutti gli istituti comprensivi di Pisa sono destinatari del contributo comunale: Gamerra a Putignano, Galilei a Cisanello, Tongiorgi a Porta a Lucca, Pisano a Marina di Pisa, Fucini a San Giusto, Toniolo e Fibonacci in centro. Le scuole interessate dal finanziamento regionale sono invece le scuole primarie Rismondo, Newbery, Parmini, De Sanctis, Livia Gereschi, Oberdan, Gambini, Biagi, Novelli, Toti; le scuole secondarie di primo grado Nicola Pisano, Fucini (sede principale e succursale), Vincenzo Galilei. Gli access point wifi saranno installati alle scuole primarie Collodi e Filzi, alla scuola secondaria Mazzini, agli istituti comprensivi Gamerra, Fibonacci, Toniolo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Covid e scuola: 76mila euro ai plessi di Pisa per la didattica digitale

PisaToday è in caricamento