menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Iacopo Galliani con la sua 'creazione'

Iacopo Galliani con la sua 'creazione'

Dalla bava di lumache il segreto della bellezza: ancora un Oscar per l'agricoltura pisana

Coldiretti premia i cosmetici prodotti con bava di lumaca a San Miniato. In finale anche le bistecche di Ospedaletto e la 'birra geotermica'. Continua intanto a crescere il numero delle imprese agricole pisane

Dopo il vermicompost di San Giuliano, l’agricosmetica di San Miniato. L’agricoltura pisana conquista un altro Oscar, il secondo di fila: è quello di Iacopo Galliani, il 'ragazzo che sussurra alle chiocciole', che con la sua innovativa linea cosmetica per la bellezza prodotta a base di bava di lumache ha ottenuto uno dei cinque prestigiosi riconoscimenti del premio promosso da Giovani Impresa Coldiretti con il patrocinio del Ministero delle Politiche Agricole.

Galliani, che sulle colline sanminiatesi ha un allevamento di chiocciole che manda avanti con un progetto di agricoltura sociale (i suoi aiutanti sono soggetti con disabilità mentali), si è portato a casa il premio 'Fare Rete' che esalta appunto la capacità di costruire sinergie in grado di massimizzare i vantaggi delle aziende agroalimentari e del consumatore finale.

Non solo le creme anti-invecchiamento. In corsa all' 'Oscar green' l’allevamento di Chianina Igp di Diego Stiaccini ad Ospedaletto che produce bistecche e pacchi formato famiglia con tutti i diversi tagli di carne destinati alla vendita diretta e alla rete dei mercati di Campagna Amica. In finale anche la birra geotermica di 'Vapori di birra', il birrificio di Sasso Pisano, Castelnuovo Val di Cecina, il primo in Italia, che sfrutta l’energia primaria della geotermia per produrre birra nel rispetto dell’ambiente e con la consapevolezza che il sentimento ecologico sia un valore da proteggere.

CRESCE IL NUMERO DELLE IMPRESE AGRICOLE PISANE. Insieme a quella di Iacopo Galliani sono altre 2 le esperienze che sono arrivate in finale quest’anno e che contribuiscono alla vitalità imprenditoriale nella provincia di Pisa dove sono attive quasi 300 imprese agricole under 35.

"Un numero - commenta Fabrizio Filippi, presidente provinciale Coldiretti - destinato ad aumentare con il nuovo Piano di Sviluppo Rurale che ha destinato 40 milioni di euro alle start-up agricole. I nuovi fondi saranno uno stimolo importantissimo al rinnovamento nelle campagne. Ogni giorno riceviamo richieste di informazioni, vengono a trovarci giovani e giovanissimi che vorrebbero investire nel settore"

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Arredare

Arredamento open space: come avere una casa di tendenza

social

Dolci sfiziosi, la ricetta della torta di mele e Nutella

social

Riapre la gelateria De' Coltelli dopo la pausa invernale

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PisaToday è in caricamento