rotate-mobile
Domenica, 19 Maggio 2024
Cronaca

Crimini informatici: accordo per la tutela fra Sant'Anna e Questura

Sottoscritto il Protocollo d'intesa per promuovere l'integrazione delle conoscenze e la formazione

La Rettrice della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa Sabina Nuti e la Dirigente del Centro Operativo della Polizia postale per la Toscana Lorena La Spina hanno siglato oggi, 5 maggio, il Protocollo d’intesa per la prevenzione e il contrasto dei crimini informatici a tutela dei sistemi informativi e delle infrastrutture tecnologiche in uso alla Scuola. 

Le Parti si impegnano a "condividere procedure d’intervento per migliorare costantemente la capacità di 'incident response', che si fonda, innanzitutto, sul tempestivo e reciproco scambio di notizie utili". La circolarità del flusso informativo, che consente di disporre in tempo reale di notizie fondamentali sulla natura e sulle modalità di realizzazione di eventuali attacchi, costituisce uno strumento essenziale per alimentare le strategie di prevenzione e di repressione nel delicato settore della protezione della sicurezza cibernetica.

E’ prevista la possibilità che siano realizzati appositi incontri formativi dedicati al tema della sicurezza cibernetica ed implementate nuove tecnologie, finalizzate al potenziamento dei livelli di prevenzione e di contrasto dei crimini informatici ai danni dei sistemi gestiti dalla Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa.Il Protocollo costituisce un fondamentale tassello nella progressiva costruzione di un sistema di prevenzione sempre più strutturato, che implica il necessario contributo, a fianco della Polizia postale, degli altri attori istituzionali coinvolti e dei più qualificati rappresentanti del mondo imprenditoriale.

Il documento è stato firmato alla presenza del Questore di Pisa, Gaetano Bonaccorso, che ha così commentato l’iniziativa: "La collaborazione sinergica con Enti e Istituzioni ed in particolare con il mondo universitario su questo territorio è ritenuta dalla Polizia di Stato non solo un’opportunità, ma piuttosto una necessità, con particolare riferimento ai settori della sicurezza che più di altri richiedono un supporto di conoscenza tecnica ed una costante attività di ricerca. Strumenti cui può essere fornita linfa vitale dal rapporto di collaborazione odierno, che segue quello già sottoscritto nel settembre 2022 con la Scuola Normale e nello scorso mese di marzo con l’Università degli Studi di Pisa".

"La collaborazione con la Questura di Pisa e con le forze di Polizia - sottolinea la Rettrice Sabina Nuti - è un fattore di rilevanza strategica per la nostra istituzione per garantire sicurezza e operatività costante ai nostri team di ricerca e ai nostri allievi, che sono condizioni fondamentali per poter produrre risultati di qualità e di eccellenza".

Come evidenzia la Dott.ssa La Spina "il settore della ricerca, dello studio, dell’approfondimento scientifico, che vanta in Toscana meravigliose eccellenze, costituisce uno dei principali ambiti di intervento per il nostro Centro operativo, che persegue con costanza l’obiettivo di potenziare le capacità di prevenzione degli attacchi informatici e l’efficacia della risposta a fronte di eventi critici. Dopo le analoghe iniziative realizzate con la Scuola Normale Superiore e con l’Università di Pisa, si aggiunge oggi anche il Protocollo con la Scuola Superiore Sant’Anna, segno tangibile di una stretta collaborazione, che vede la Polizia Postale quotidianamente a fianco delle più significative realtà del nostro territorio. La protezione delle infrastrutture informatiche di particolare rilievo rappresenta uno dei settori di maggiore impegno per la Specialità, che, nello scorso mese di ottobre 2022, presso ognuno dei diciotto Centri operativi presenti in ambito nazionale, ha curato l’istituzione di un apposito Nucleo operativo per la sicurezza cibernetica, cui sono affidate le delicate attività in materia di difesa digitale".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Crimini informatici: accordo per la tutela fra Sant'Anna e Questura

PisaToday è in caricamento