Crollo del soffitto nella casa popolare di Gagno: il caso in Consiglio Comunale

La vicenda è stata affrontata grazie ad un question time della consigliera del Pd Scognamiglio. L'assessore Gambaccini: "Subito interventi per la messa in sicurezza"

Il caso del crollo del soffitto di fronte alla porta di ingresso di una casa popolare nel quartiere di Gagno è stato discusso ieri, 8 ottobre, in Consiglio Comunale a Pisa grazie ad un question time presentato dalla consigliera del Pd, Antonietta Scognamiglio. Come si ricorderà la famiglia che abita nell'alloggio si era da poco trasferita nell'appartamento dalle abitazioni di via Garibaldi, ritenute da Apes pericolanti. Oltre allo spavento dovuto al crollo il timore della famiglia era quello di dovere effettuare un ulteriore trasloco.

"A seguito del crollo - ha spiegato l'assessore al Sociale Gianna Gambaccini - Apes ha incaricato una ditta che ha provveduto lo stesso giorno dell’evento a mettere in sicurezza l’area, rimuovendo macerie e parti pericolanti e puntellando la porzione di solaio interessata dal cedimento con un’opera provvisoria. La stessa ditta è stata inoltre subito incaricata per il ripristino della porzione interessata dal crollo e per valutare le condizioni della copertura. L’azienda dovrebbe intervenire in questi giorni. Al momento quindi non è necessario spostare la famiglia".

L'assessore ha quindi sottolineato di aver "ereditato la situazione di questa e di altre 5 famiglie dalla precedente amministrazione. Le abitazioni di via Garibaldi dove erano collocate questi nuclei era da anni inabitabile. Le abbiamo spostate in altri alloggi. Purtroppo in questo caso abbiamo avuto questo episodio, che è stato però immediatamente sanato".

.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus in Toscana: quasi 1900 nuovi casi e 44 decessi

  • Strutture sociosanitarie: focolai in tre centri del pisano

  • Positivo al Covid si barrica nella stanza dell'ospedale Cisanello

  • Toscana zona rossa, la denuncia di Confesercenti: "Concorrenza sleale della grande distribuzione"

  • Coronavirus in Toscana: 2.200 casi, 48 decessi

  • Coronavirus in Toscana, calano i nuovi positivi: sono 1972

Torna su
PisaToday è in caricamento