Cronaca

Darsena Europa, ConfLitorale: "Il Comune vigili sull'erosione della costa"

Il presidente Fontani chiede un monitoraggio degli effetti dei lavori al porto di Livorno sulla costa pisana

"Il progetto della Darsena Europa va avanti tra toni trionfalistici ed entusiasmo alle stelle, ma ai rischi sul turismo balneare chi ci pensa?". E' quello che si domanda Fabrizio Fontani, presidente di ConfLitorale ConfcommercioPisa, scettico sul nuovo porto di Livorno.
“Sono stati stanziati 300 milioni di euro dei cittadini toscani per realizzare un'opera che nelle intenzioni del governatore Rossi farà grande Livorno - afferma Fontani - siamo da sempre favorevoli alla realizzazioni di opere infrastrutturali, ma cio' che chiediamo al Comune di Pisa è che valuti attentamente e responsabilmente sugli effetti di possibili fenomeni erosivi che ci potrebbero essere e che sarebbero devastanti sull'assetto complessivo del litorale pisano nell'immediato presente e futuro. Ci domandiamo: quali sono gli strumenti, le modalità e le tempistiche che l'amministrazione comunale ha messo in campo per garantire il proprio territorio e la comunità?”.

“Come imprenditori non sono poche le perplessità che abbiamo di fronte a quest'opera mastodontica - prosegue Fontani - visto che l'esperienza diretta, supportata da studi seri, ci conferma che anche piccoli e semplici interventi in mare possono generare modifiche delle correnti marine che talvolta generano effetti erosivi devastanti. Per questo, rinnoviamo con forza all'amministrazione comunale di Pisa l'invito a svolgere un'azione di monitoraggio costante, seria e approfondita di verifica degli effetti ambientali della Darsena Europa, sostenendo in ogni occasione e ad ogni tavolo, quelle che sono le ragioni di un turismo balneare che non può essere lasciato andare alla deriva e di informarne la cittadinanza con puntualità e completezza”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Darsena Europa, ConfLitorale: "Il Comune vigili sull'erosione della costa"

PisaToday è in caricamento