Cronaca

Salute: i dati del diabete a Pisa. La Regione stanzia 500mila euro per progetti di assistenza

Per la Giornata Mondiale del Diabete del 14 novembre la Diabete Italia Onlus pubblica le stime di chi soffre di diabete in Provincia: è l'8% della popolazione. Le associazioni chiedono alla Toscana di applicare subito il Piano Nazionale appena recepito

Una persona su 10 è obesa, 25mila persone sanno di avere il diabete e altre 8mila ne sono all'oscuro. Sulla base di dati medi regionali Istat e dell'Osservatorio Nazionale sulla Salute nelle Regioni Italiane, la Diabete Italia Onlus ha pubblicato per la provincia di Pisa le stime che danno il quadro delle persone afflitte da questa malattia. Recentemente la Regione Toscana ha recepito il Piano Nazionale Diabete stanziando contestualmente 500mila euro, destinati a progetti per migliorare l'assistenza nelle aree carenti selezionate da tale piano. Le Associazioni fra persone con diabete in Toscana, in occasione della Giornata Mondiale del 14 novembre, chiedono alle istituzioni di applicare in tempi rapidi queste misure.

Aumentano i diabetici, ma cala il numero dei ricoveri. A causa dell'iperglicemia, capace di danneggiare arterie e capillari, in provincia di Pisa nel 2011 sono state ricoverate 9.321 persone per rischio di ischemia, infarto e ictus, mentre nel 2012 sono 251 i pazienti ricoverati per complicanze legate al diabete a occhi, reni e piedi. Dal 2001 al 2010 però il ricorso alle cure ospedaliere si è ridotto del 44%, segno che l'attenzione costante per la propria situazione può fare la differenza (3,7 persone su 10 non svolge mai attività sportiva).

"Le persone con diabete – afferma il diabetologo della Asl 1 Fabio Baccetti, coordinatore regionale della GMD – devono avere i mezzi per gestire al meglio il loro diabete: informazioni sulla loro condizione, assistenza specifica, farmaci e presidi. La maggioranza delle persone affette combatte ogni giorno per prevenire malattie e condizioni potenzialmente gravissime per le famiglie e costosissime per la comunità". Il 57% dei costi del Servizio Sanitario per il diabete è dovuto ai ricoveri per le sue conseguenze, per questo l'attività di controllo e prevenzione è fondamentale. Da qua la richiesta delle Associazioni di applicare da subito il Piano Nazionale Diabete sul territorio regionale.

"Le persone con diabete sono la risorsa su cui il sistema sanitario può e deve contare – conclude Baccetti – per ridurre i costi economici e sociali che il diabete mal controllato può apportare. Auspichiamo perciò un miglioramento dell'assistenza garantendo a chi lo necessita l'accesso ai team specialistici multidisciplinari e la prescrizione dei presidi più appropriati ad ogni persona".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Salute: i dati del diabete a Pisa. La Regione stanzia 500mila euro per progetti di assistenza

PisaToday è in caricamento