Italia 'zona rossa' contro il Coronavirus: cosa prevede il nuovo decreto

Il premier Conte ha firmato nella notte il nuovo decreto che resterà in vigore fino al prossimo 3 aprile

Da questa mattina, martedì 10 marzo, tutta Italia è 'zona rossa'. Estese a tutta la Penisola, con un decreto firmato nella notte dal premier Giuseppe Conte, le limitazioni già imposte a Lombardia e ad altre 14 Province. Un decreto che si chiama 'io resto a casa' e che porta dunque i cittadini a cambiare i propri stili di vita nel nome della salute pubblica, per fermare l'epidemia di Covid-19 .

Ecco in sintesi cosa prevede il nuovo decreto, da oggi 10 marzo legge, e che resterà in vigore fino al 3 aprile:

Mobilità

Evitare ogni spostamento delle persone fisiche salvo che per gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità ovvero spostamenti per motivi di salute. È consentito il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza.
Ai soggetti con sintomatologia da infezione respiratoria e febbre (maggiore di 37,5°C) è fortemente raccomandato di rimanere presso il proprio domicilio e limitare al massimo i contatti sociali, contattando il proprio medico curante.
Divieto assoluto di mobilità dalla propria abitazione per i soggetti sottoposti a quarantena o risultati positivi al virus.

Controlli sugli spostamenti: serve la autodichiarazione

Attività sportive

Sono sospesi gli eventi e le competizioni sportive di ogni ordine e disciplina, in luoghi pubblici o privati.
Sono sospese le attività di palestre, centri sportivi, piscine, centri benessere, centri termali (fatta eccezione per l’erogazione delle prestazioni rientranti nei livelli essenziali di assistenza), culturali, sociali e ricreativi.

Lavoro

E' raccomandato ai datori di lavoro pubblici e privati di promuovere, durante il periodo di efficacia del presente decreto, la fruizione da parte di lavoratori dipendenti dei periodi di congedo ordinario e ferie.
Sono adottate in tutti i casi possibili modalità di collegamento da remoto nello svolgimento di riunioni.
Sono sospesi i congedi ordinari del personale sanitario e tecnico.

Manifestazioni, eventi, tempo libero e luoghi di culto

Sono sospese tutte le manifestazioni organizzate nonché gli eventi in luogo pubblico o privato, ivi compresi quelli di carattere culturale, ludico, sportivo, religioso e fieristico, anche se svolti in luoghi chiusi ma aperti al pubblico.
Sono sospese le cerimonie civili e religiose, comprese quelle funebri.
Sono chiusi i musei e gli istituti culturali.

Istruzione e formazione

Sono sospesi i servizi educativi per l’infanzia e le attività didattiche in presenza nelle scuole di ogni ordine e grado e di formazione superiore, comprese le Università, i corsi professionali, master, corsi per le professioni sanitarie e università per anziani e i corsi e attività formative svolte da altri enti pubblici e da soggetti privati.
Resta ferma la possibilità di svolgere attività formativa a distanza.
Sono sospese le procedure concorsuali pubbliche e private e gli esami di idoneità presso gli uffici della motorizzazione civile.

Attività commerciali e di ristorazione

Sono consentite le attività di ristorazione e bar dalle ore 6 alle ore 18 con obbligo, a carico del gestore, di garantire il rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro.
Sono consentite tutte le altre attività commerciali a condizione che il gestore garantisca un accesso con modalità contingentate o comunque idonee a evitare assembramenti di persone.
Nelle giornate festive e prefestive sono chiuse le medie e grandi strutture di vendita, nonché gli esercizi commerciali presenti all’interno dei centri commerciali e dei mercati. La chiusura non è disposta per farmacie, parafarmacie e punti vendita di generi alimentari.

Coronavirus: quali sono i sintomi sospetti?

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Giani annuncia: "Dal 4 dicembre Toscana zona arancione"

  • Coronavirus, il governatore Giani: "Nei prossimi giorni chiederemo di tornare in zona arancione"

  • Più spostamenti in un comune diverso: ordinanza regionale in vista della zona arancione

  • Commercio in lutto: se ne va Gisberto Moisè, storico pizzaiolo pisano

  • Toscana zona rossa, scende l'indice Rt: "Zona gialla prima di Natale"

  • Comune di Pisa: nuovi bandi per assumere un falegname, un elettricista e un agronomo

Torna su
PisaToday è in caricamento