Mercoledì, 28 Luglio 2021
Cronaca

Sanità e beneficenza: defibrillatore donato alla Stazione Leopolda

Lo strumento salva-vita verrà donato da Chiara Borri al centro culturale tramite la Onlus Cecchini Cuore

Un’inaugurazione importante per la cardioprotezione. Nella sede della Stazione Leopolda, sabato 2 aprile, verrà installato un defibrillatore, donato da Chiara Borri al centro culturale tramite la Onlus Cecchini Cuore.

Chiara Borri commenta così la sua scelta: "La famiglia Borri desidera ricordare il proprio congiunto, Dott. Mario Borri, scomparso il 2 aprile 2000, attraverso la donazione di un defibrillatore da collocare alla stazione Leopolda di Pisa. Siamo grati al Dott. Maurizio Cecchini per la disponibilità e l'aiuto prezioso che ci ha offerto nella realizzazione di questo progetto".

La cerimonia di consegna sarà all'insegna della sensibilizzazione nei confronti dell'arresto cardiaco e al ruolo fondamentale ricoperto del defibrillatore semiautomatico, strumento essenziale per salvare la vita in caso di arresto cardiaco extra ospedaliero. Il defibrillatore semiautomatico (DAE) è un apparecchio semplice, intuitivo, sicuro e alla portata di tutti.

Il modello è un defibrillatore semiautomatico HeartSine® Samaritan® PAD 350P con la teca Rotaid. La responsabile della RCP Planet Rosanna Tarsiero: "La stazione Leopolda di Pisa, in quanto struttura dedicata ad eventi culturali che attraggono un flusso di visitatori notevole, rappresenta la collocazione ideale per una soluzione di cardioprotezione rappresentata dall'accoppiata HeartSine e Rotaid, a basso impatto ambientale e facile da usare anche da parte di soggetti disabili. Auspico che altre strutture pisane preposte ad eventi culturali decidano di dotarsi di una soluzione simile onde tutelare contemporaneamente tanto i propri visitatori che i propri espositori e lavoratori dipendenti".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sanità e beneficenza: defibrillatore donato alla Stazione Leopolda

PisaToday è in caricamento