Cronaca Ospedaletto / Via Stanislao Cannizzaro

Ospedaletto, rave party non autorizzato: denunciate cinquanta persone

La Digos sta cercando di identificare gli organizzatori che hanno radunato i ragazzi all'evento senza alcuna autorizzazione. Proseguono inoltre le indagini per risalire all'identità della giovane donna che ha accoltellato un 26enne

Sono almeno una cinquantina le persone identificate e denunciate lunedì mattina in seguito al blitz di Polizia e Carabinieri presso un capannone di via Cannizzaro in località Ospedaletto,  dove, tra domenica e lunedì, si è svolto un rave party non autorizzato, a cui hanno partecipato numerosi giovani provenienti da varie località del Centro-Nord Italia e dove è stato accoltellato un giovane 26enne di Bagno a Ripoli (Firenze).

Sin dalle prime ore del mattino gli agenti di Polizia hanno effettuato sopralluoghi ed attività di monitoraggio che hanno consentito poi di intervenire all'interno del capannone identificando una cinquantina di giovani responsabili del reato di invasione di terreni ed edifici.

Le indagini, condotte dalla Digos, sono inoltre concentrate anche sulla identificazione degli organizzatori della manifestazione che hanno radunato i ragazzi tramite il web ed i telefoni cellulari e che, per la realizzazione del 'concerto', si ritiene abbiano noleggiato mezzi di trasporto e strumentazioni.

Sono inoltre in corso le attività investigative per identificare la giovane, sembrerebbe si tratti infatti di una donna, che ha ferito con un coltello il ragazzo di Bagno a Ripoli, le cui condizioni però non destano preoccupazioni. La lite sarebbe scaturita per futili motivi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ospedaletto, rave party non autorizzato: denunciate cinquanta persone

PisaToday è in caricamento