Cronaca

Vuole vendere uno scrittoio ma viene truffata: denunciato anche un pisano

Concorso in truffa l’accusa mossa a un pisano e una livornese dai Carabinieri di Reggio Emilia

Dalla storica rivalità fatta di sfottò e prese in giro ironiche all’unione di intenti nella truffa. Una reggiana che aveva pubblicato un'inserzione sul web per vendere uno scrittoio anziché ricevere i 600 euro pattuiti si è ritrovata il conto alleggerito essendogli stati sottratti 1.200 euro, il doppio di quello che intendeva invece intascare.

A raggirarla un pisano e la complice livornese che, identificati dai Carabinieri della stazione di Reggio Emilia Santa Croce ,sono entrambi finiti nei guai.  La 54enne reggiana dopo aver pubblicato sul sito di annunci subito.it un'inserzione trattante la vendita a 600 euro di uno scrittoio è stata contattata da un sedicente acquirente che, oltre a mostrarsi molto interessato all’acquisto, si è detto disponibile per effettuare immediatamente il pagamento. L’unica richiesta avanzata dall’acquirente è stata relativa al metodo di pagamento concordato con la modalità della ricarica del conto attraverso l’utilizzo di un ATM Postale.

In contatto telefonico con l’acquirente, la vittima recatasi a eseguire l’operazione su indicazione dell’interlocutore ha effettuato l’operazione ma, anziché ritrovarsi accreditati i 600 euro, si vedeva un primo addebito. Tranquillizzata con il pretesto di un errore è stata invitata a ripetere l’operazione con conseguente ulteriore addebito. Ben 1.200 euro che sono andati a finire su una postepay in uso alla complice del truffatore. Non riuscendo più a contattare l’acquirente, che aveva riagganciato rendendosi irreperibile, la 54enne reggiana si è rivolta ai Carabinieri della stazione di via Adua a Reggio Emilia, formalizzando la relativa denuncia.

I Carabinieri reggiani, verbalizzati i fatti, hanno avviato le indagini risalendo, attraverso i riscontri sull’utenza usata dal truffatore per parlare con la vittima e sulla postepay dove sono confluiti i soldi, agli odierni indagati identificati in un 24enne livornese e una 35enne pisana sua complice. I due sono stati quindi denunciati per concorso in truffa alla Procura reggiana.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vuole vendere uno scrittoio ma viene truffata: denunciato anche un pisano

PisaToday è in caricamento