Disoccupato compie il gesto estremo: beve una bottiglia di grappa e muore

Da due anni senza lavoro, così come il figlio, il 57enne ha deciso di farla finita aggrappandosi all'alcol. Sono stati i familiari a trovarlo in casa svenuto: per lui purtroppo non c'è stato niente da fare

Una storia triste, tragica, specchio dei tempi di crisi che stiamo passando. E' raccontata oggi dal quotidiano Il Tirreno. Un uomo di 57 anni, residente nell'hinterland pisano, rimasto da due anni senza lavoro (era operaio in una conceria a Santa Croce sull'Arno), sposato e con un figlio disoccupato, ha deciso di affogare la sua disperazione bevendo una bottiglia di grappa che lo ha mandato in coma etilico. Sono stati i familiari a ritrovarlo in casa privo di sensi. A nulla sono serviti i soccorsi: l'uomo è morto. Troppo grande la sua disperazione, la sensazione di non riuscire a trovare una via d'uscita. In due anni solo qualche lavoretto di pochi mesi. Un dramma che oggi troppo spesso si ripete nel nostro paese.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, approvato il decreto scuola: ecco cosa cambia

  • Coronavirus, l'emergenza ferma il Giugno Pisano: saltano Luminara, Gioco del Ponte e Palio

  • Lutto nella sezione Aia di Pisa: muore a 41 anni Gennaro D'Archi

  • In Toscana scatta l'obbligo delle mascherine: chi deve indossarle e in quali occasioni

  • Auto fuori strada lungo l'Arnaccio: muore 25enne

  • Emergenza Coronavirus: distribuzione di mascherine a domicilio per i cittadini pisani

Torna su
PisaToday è in caricamento