Distaccamenti dei Vigili del Fuoco chiusi: "Sì a un tavolo con i Comuni e la Prefettura"

I sindaci di Casciana Terme-Lari e Ponsacco chiedono di coordinare l'azione per tutelare i distaccamenti locali. I sindacati chiedono investimenti per le stabilizzazioni

Sulla vicenda dei distaccamenti dei Vigili del Fuoco volontari in Provincia di Pisa chiusi, i sindaci di Casciana Terme-Lari e di Ponsacco chiedono che si apra un tavolo di lavoro con tutti i Comuni sede di distaccamento volontario, il Comando Provinciale e la Prefettura, per richiedere che la situazione venga affrontata in modo coordinato. Un anno fa, spiegano i due primi cittadini in una nota congiunta, scrissero al Ministero dell'Interno insieme a tutti i sindaci della Provincia affinché il dicastero mettesse a disposizione del Comando le risorse necessarie per non lasciare senza mezzi i distaccamenti volontari del territorio pisano.

"Il Distaccamento di Ponsacco è un vero e proprio fiore all’occhiello - dice Francesca Brogi - una realtà che è stata costruita negli anni per volere prima di tutto del Comune, che ha visto nella presenza del Distaccamento sul territorio un presidio in più a favore della sicurezza dei cittadini. Il nostro distaccamento è sempre stato operativo ed è uno di quelli che contano il maggior numero di volontari. Non possiamo permetterci di lasciare il distaccamento senza mezzi, per questo mi sono attivata in prima persona e in più occasioni sia con il Comando provinciale che con il Ministero dell’Interno affinché non lasciasse soli i Vigili del Fuoco, vera e propria forza di tutto il territorio nazionale. Il problema infatti sta a monte: è il Ministero che prima di tutto dovrebbe stanziare maggiori risorse a favore dei Vigili del Fuoco. Altrimenti questi sono i risultati".

Sulla stella linea Mirko Terreni, che ribadisce: "I nostri distaccamenti sono un presidio importantissimo di sicurezza per il territorio, nonché una concreta espressione del principio costituzionale di sussidiarietà. Le istituzioni hanno il dovere di preservarli". "Abbiamo messo a disposizione dei volontari - dicono i due sindaci - senza oneri per il Corpo dei Vigili del Fuoco, la sede dove operano e abbiamo stipulato con loro due convenzioni attraverso le quali eroghiamo un contributo annuale per sostenere i volontari nelle loro attività. Ma l'assegnazione o la revoca dei mezzi è di competenza del Comando provinciale. Le criticità che si sono venute a creare meritano probabilmente di essere affrontate congiuntamente da tutte le istituzioni del territorio interessate per trovare insieme una soluzione duratura".

I sindacati Sgb Comune di Pisa e Cub Pubblico Impiego pongono l'accento sulla necessità di stabilizzazione: "Al di là degli scaricabarile sulle responsabilità cui abbiamo assistito in questi giorni, una cosa deve essere chiara: tutelare la sicurezza dei cittadini e del territorio significa investire in mezzi e in risorse umane, quindi, serve personale non precario o volontario (ai volontari va il nostro plauso), ma effettivo! Il vigile del fuoco precario o discontinuo non è tutelato dai rischi di infortunio tantomento tutelato a livello previdenziale e assicurativo. Quanti di questi vigili volontari avrebbero voluto essere assunti solo se non avessero congelato le assunzioni per anni! Urge ammodernare mezzi e investire risorse sui mezzi di soccorso. La lotta contro la precarietà del personale volontario e discontinuo del Comparto dei Vigili del Fuoco si è già manifestata in varie città d'Italia, è tempo che sia sostenuta anche dai cittadini della nostra provincia perchè la tutela della sicurezza non sia altrettanto precaria nè discontinua".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni comunali a Cascina: è ballottaggio tra Betti e Cosentini

  • Schianto nella notte a San Piero a Grado: muore 26enne

  • Elezioni regionali Toscana 2020, le proiezioni: Giani in vantaggio

  • Elezioni Regionali, Ceccardi sconfitta anche nella sua Cascina

  • Covid a scuola: due classi di licei pisani in quarantena

  • Coronavirus a scuola, tre studenti positivi: quarantena per compagni di classe e insegnanti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PisaToday è in caricamento