Emergenza Coronavirus: distribuzione di mascherine a domicilio per i cittadini pisani

70mila mascherine saranno lasciate a partire da lunedì nelle cassette delle lettere sia in città che sul litorale

Partirà lunedì prossimo, 6 aprile, dal quartiere del Cep la distribuzione delle 60mila mascherine che il Comune ha acquistato per la distribuzione domiciliare a tutti i nuclei familiari residenti nella città di Pisa. A queste si aggiungono altre 10mila mascherine acquistate da Pisamo, che saranno messe in distribuzione insieme alle altre nei prossimi giorni in tutti i quartieri della città e del Litorale.

"Dopo la distribuzione tramite le associazioni di volontariato di 20mila mascherine per dotare di protezione chi si trovava già fuori casa per la spesa o in fila alla farmacia e ne era sprovvisto - dichiara il sindaco Michele Conti - nei prossimi giorni arriveranno a casa dei pisani 70mila mascherine. Abbiamo investito risorse per l’acquisto di questi presidi utili ad aumentare il livello di sicurezza in città. Abbiamo lavorato da subito per il reperimento di un numero congruo di dispositivi di protezione individuale e ci siamo organizzati per farle recapitare direttamente nelle cassette della posta di ogni abitazione, affidandoci a un servizio professionale. Nel giro di pochi giorni tutte le famiglie pisane riceveranno la mascherina a casa".

In queste ore personale della Protezione Civile del Comune di Pisa, che ha coordinato tutta l’operazione, insieme a volontari di Croce Rossa Italiana, Pubblica Assistenza e Misericordia di Pisa, hanno iniziato le operazioni di imbustamento delle mascherine in oltre 45mila sacchetti richiudibili donati al Comune da Ikea Italia tramite il negozio di Pisa. Le operazioni si svolgono in ambiente salubre presso la Lavanderia Industriale ATEFI di Navacchio che ha messo gratuitamente a disposizione i propri locali idonei.buste ikea mascherine pisa-2

"La rete della solidarietà in queste ore ci fa sentire tutta la vicinanza di cui abbiamo bisogno - prosegue il sindaco Conti - e ci aiuta con tanti piccoli e grandi contributi a dare servizi e assistenza alla cittadinanza. Ci tengo in modo particolare a ringraziare gli uomini e le donne delle associazioni di volontariato, instancabili e sempre pronti a dare il loro contributo. Grazie alla Lavanderia Industriale Atefi per l’uso dei locali e per essersi messi a disposizione generosamente. Ringrazio infine sentitamente IKEA Italia e il suo negozio di Pisa, che è voluta essere vicina alla nostra comunità facendo la propria parte donando le buste necessarie a confezionare le mascherine. Tutti insieme siamo riusciti a mettere in piedi un buon servizio per i pisani".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le consegne avverranno senza contatto con i destinatari direttamente nella cassetta postale. A ogni nucleo familiare composto da una o due persone sarà recapitata una mascherina, ai nuclei familiari composti da tre o più persone saranno assegnate due mascherine. Il servizio è stato affidato alla 'Recapiti Ferrari srl', azienda pisana che già svolge in città, in maniera professionale, servizi analoghi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto contro moto a San Giuliano Terme: muore 31enne

  • Trovato morto con una freccia di balestra nel petto

  • Lutto all'Aoup: dottoressa muore a 36 anni

  • Coronavirus in Toscana: solo 5 i nuovi casi, 2 i decessi

  • Coronavirus in Toscana, solo 3 i nuovi casi: a Pisa zero nuovi contagi e nessun decesso

  • Coronavirus in Toscana, 18 nuovi casi: un decesso nel pisano

Torna su
PisaToday è in caricamento