Venerdì, 17 Settembre 2021
Cronaca Putignano / Via dei Sepolcri, 4

Sant'Ermete: donato un defibrillatore all’Anmic di Pisa

E' stato donato all'associazione dal signor Varini, ex presidente Ens-Ente Nazionale Sordomuti e da anni tesserato e sostenitore dell’Anmic

Gli interventi tempestivi, in caso di bisogno, possono salvare vite. E’ in base a questa priorità che l’Anmic Pisa (Associazione Nazionale Mutilati ed Invalidi Civili) ha ricevuto un defibrillatore portatile, che sarà collocato presso gli uffici di Via dei Sepolcri n.4 a Sant’Ermete.
Lo strumento salvavita è stato donato da Armando Varini, ex presidente Ens-Ente Nazionale Sordomuti e da anni tesserato e sostenitore dell’Anmic. La cerimonia di consegna si è svolta giovedì pomeriggio, 22 febbraio, all’interno della sede Anmic, alla presenza del presidente provinciale Anmic avvocato Annalisa Cecchetti.

"Ogni anno le vittime di arresto cardiaco superano di gran lunga quelle causate dagli incidenti stradali e dall’Aids - sottolineano dall'Anmic - si stima che siano circa 70.000 le persone colte da 'morte improvvisa' in Italia, circa 200 al giorno, e l’unico modo per riavviare il cuore in questi casi è l’uso tempestivo del defibrillatore nei cinque minuti successivi all’arresto. La presenza di DAE in numero sempre più diffuso nei luoghi pubblici non è solo una necessità dovuta a normative, ma un bisogno reale".
“Ringrazio il signor Varini, filantropo già noto alla comunità per la sua sensibilità, per le sue performance da sportivo, ma soprattutto per le sue iniziative benefiche che denotano il suo grande altruismo - ha affermato la presidente Cecchetti - questa preziosa donazione incrementa la possibilità di cardioprotezione all’interno di uffici da cui passano, ogni anno, più di 2000 soggetti, molti dei quali, purtroppo, affetti da gravi patologie. Il defibrillatore collocato all’interno del nostro edificio, oggi, assume ancora più valore poiché in quelle stanze prossimamente verranno attuati importanti progetti laboratoriali per persone disabili previsti dalla legge 112/2016, meglio nota come Legge sul Dopo di Noi, in compartecipazione tra SDS e Anmic Pisa”.


Alla consegna è seguita, sia per i dipendenti degli uffici dell’associazione che per gli educatori del centro diurno 'L’Amico è' Anmic, un approfondito corso BLSD tenuto dal dottor Maurizio Cecchini, della Cecchini Cuore Onlus, per il corretto utilizzo dello strumento salvavita.

Gallery

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sant'Ermete: donato un defibrillatore all’Anmic di Pisa

PisaToday è in caricamento