Solidarietà al tempo del Covid: dalla Normale oltre 30mila euro agli ospedali

Una donazione scattata in seguito alla decisione di un dottorando di devolvere il proprio stipendio di aprile alla sanità pubblica

Coronavirus, è ora di fare chiarezza: aria condizionata, ventilatori e vestiti sono "pericolosi"?

Con due lettere indirizzate rispettivamente alla direttrice dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Pisana, Silvia Briani, e al direttore dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Careggi, Rocco Damone, si è concluso l’iter delle donazioni da parte degli allievi e del personale docente e amministrativo della Scuola Normale Superiore alla sanità toscana.
Il prof. Luigi Ambrosio, direttore della Normale, ha specificato nella lettera che si è trattato di “un piccolo gesto per contribuire al superamento delle difficoltà che tutti noi stiamo attraversando”.

L’iniziativa della raccolta fondi era nata alla fine di marzo del tutto spontaneamente, da una email del dottorando di origine indiana Akash Deep Biswas che annunciava di rinunciare interamente al proprio stipendio del mese di aprile per devolverlo alla sanità pubblica, in prima linea nella emergenza sanitaria causata dal Coronavirus. Al messaggio di Biswas, indirizzato all’intera comunità della Scuola Normale, ne erano seguiti altri da parte di altri dottorandi, impiegati, professori, tutti che annunciavano la propria decisione di donare lo stipendio del mese di aprile.
Da questa richiesta era stata stabilita una procedura, coerente con il Decreto Legge 18/2020 sulle erogazioni ad enti pubblici e del sistema sanitario nazionale a sostegno delle misure contro l’emergenza epidemiologica Covid-19. L’avviso rivolto a tutta la cittadinanza è rimasto aperto fino al 30 aprile.
In tutto sono stati devoluti 34.706 euro, di cui 19.936 andranno all’Azienda Ospedaliera Universitaria Pisana, 14.770 all’Azienda Ospedaliera Universitaria Careggi.

 


 

Potrebbe interessarti: https://www.today.it/attualita/coronavirus-ventilatori-aria-condizionata-vestiti.html

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus in Toscana: quasi 1900 nuovi casi e 44 decessi

  • Toscana zona rossa, la denuncia di Confesercenti: "Concorrenza sleale della grande distribuzione"

  • Coronavirus, il governatore Giani: "Nei prossimi giorni chiederemo di tornare in zona arancione"

  • Coronavirus in Toscana: 2.200 casi, 48 decessi

  • Lutto nel commercio pisano: addio a Roberto Salvini, titolare del bar alle Piagge

  • Coronavirus in Toscana, oltre 1900 i nuovi contagi: calano i ricoveri

Torna su
PisaToday è in caricamento