Vicopisano: oltre 3mila euro donati per acquistare tablet per la didattica a distanza

A giovarne sono stati tutti gli alunni bisognosi delle classi delle scuole secondaria e primaria dell'Istituto Comprensivo Ilaria Alpi

L'Istituto Comprensivo Ilaria Alpi di Vicopisano riesce a rispondere alle esigenze di didattica a distanza grazie a donazioni di aziende e privati. A fare il punto e ringraziare i protagonisti della solidarietà è il sindaco Matteo Ferrucci: "Il sostanzioso contributo per la didattica a distanza concesso dal Ministero della Pubblica Istruzione non era bastato a soddisfare le numerose richieste dei nostri ragazzi che non avevano a disposizione un tablet per studiare. Grazie alla generosità dell'azienda Delca Energy di Lugnano, che ha donato mille uro, di Anpi Vicopisano, che ha donato mille euro, l'Istituto ha potuto comprare altri tablet mancanti, ma alcuni studenti e studentesse ne sono restati comunque privi. Il negozio di strumenti musicali di David e Giovanni Niccolai ha donato la cifra che serviva, pari a 1.300 euro, per garantire a tutti, di ogni classe della secondaria e della primaria, di avere il proprio tablet e per vedere così garantito, con piena uguaglianza, il diritto allo studio, anche per chi è in difficoltà. Tutti i tablet sono già stati consegnati".

"Ringrazio l'Istituto Scolastico - conclude il Sindaco - per avere saputo gestire con prontezza e capacità questa situazione e per aver fatto in modo che, in queste settimane di emergenza, la nostra scuola sia rimasta quella che conosciamo: inclusiva, accogliente, viva, un luogo dove si impara, a tutto tondo, si coopera, si fanno e si consolidano valori e amicizie, e si cresce, anche non potendo, purtroppo al momento, condividere fisicamente gli stessi spazi. Ringrazio di cuore Delca, Anpi e i fratelli Niccolai per aver, ancora una volta, supportato la nostra scuola, e in questo modo, la comunità tutta".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Giani annuncia: "Dal 4 dicembre Toscana zona arancione"

  • Coronavirus in Toscana: quasi 1900 nuovi casi e 44 decessi

  • Coronavirus, il governatore Giani: "Nei prossimi giorni chiederemo di tornare in zona arancione"

  • Toscana zona rossa, la denuncia di Confesercenti: "Concorrenza sleale della grande distribuzione"

  • Commercio in lutto: se ne va Gisberto Moisè, storico pizzaiolo pisano

  • Lutto nel commercio pisano: addio a Roberto Salvini, titolare del bar alle Piagge

Torna su
PisaToday è in caricamento