Arrivederci ai doposcuola della Pubblica Assistenza: "Evitati abbandoni scolastici, grazie ai volontari"

L'associazione traccia un bilancio delle attività e ringrazia chi si è impegnato per la riuscita dei progetti

Con la fine dell'anno scolastico 2019/2020, funestato dal Covid-19, si completano anche le attività di doposcuola promosse quest'anno dalla Pubblica Assistenza di Pisa con due distinti progetti: 'Il cerchio di Mattia' (Istituto Comprensivo L. Gereschi - Pontasserchio) e 'Il cerchio di Raffaele' (Istituto G.B. Niccolini - San Giuliano Terme). Il primo ha una decennale esperienza, è attivo infatti dal 2010, mentre era al suo esordio il secondo, dedicato ad un socio scomparso da poco che ha avuto una lunga vita come formatore.

"Sono attività fondamentali - spiega la Pubblica Assistenza di Pisa - perchè rivolte a ragazzi e ragazze con difficoltà scolastiche e criticità familiari; ragazzi accolti dai nostri volontari ed accompagnati in un percorso di aiuto volto a ridare fiducia ed autostima personale a chi la stava perdendo". Il contesto dell'emergenza sanitaria ha complicato le cose, ma i due doposcuola hanno proseguito le loro attività per via telematica, grazie alla disponibilità, alla passione e alle competenze dei volontari.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"A conclusione dell'anno scolastico, finite anche le sessioni di esame di 3° media, possiamo manifestare tutta la nostra gioia e soddisfazione per aver attraversato il Covid-19 ed aver accompagnato ragazzi e ragazze fuori dalle difficoltà, dalle solitudini e ad un risultato che ha visto premiare la condivisione, il lavoro collettivo e la loro ritrovata necessità di tornare ad una normalità di studenti e studentesse". La Pubblica Assistenza quindi aggiunge che "in dieci anni de 'Il cerchio di Mattia' oltre 156 tra ragazzi e ragazze hanno ritrovato la loro strada, lo stesso dicasi per 10 tra ragazzi e ragazze di questo primo anno de 'Il cerchio di Raffaele'. Di certo una goccia nel mare; ma una goccia positiva perchè ha evitato di far disperdere tante 'speranze' delle comunità, ha evitato cioè tanti abbandoni scolastici. E non è poco. Grazie di nuovo a volontari e volontarie per il loro impegno ed un forte abbraccio ad Anna e Andrea Verdigi della 'Associazione Marco Domenico Verdigi' per la vicinanza ed il sostegno economico da loro dedicato a queste nostre attività per i giovani".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto nella notte a San Piero a Grado: muore 26enne

  • Ripartenza scuola e Coronavirus: mezza classe del liceo in quarantena a Pontedera

  • Cadavere di un anziano trovato in un fosso in zona La Fontina

  • Coronavirus in Toscana, 143 nuovi casi: 38 positivi in più a Pisa

  • Coronavirus: "Ho fatto il tampone, dopo 72 ore ancora non so il risultato"

  • Caso sospetto di Covid nel personale scolastico: chiuso asilo di Pontedera

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PisaToday è in caricamento