Centro storico: "Giovanissimi che si drogano in pieno giorno"

A denunciare la situazione il consigliere comunale del Pd, Marco Biondi. Antonio Mazzeo (Pd): "La dimostrazione dell'inutilità degli slogan e degli incarichi a onorevoli spacciati per esperti in sicurezza"

Foto dalla pagina Facebook di Antonio Mazzeo

Ragazzi giovanissimi che si drogano in centro storico in pieno giorno. E' quanto denuncia il consigliere comunale del Pd, Marco Biondi, con un post pubblicato oggi, 20 agosto, su Facebook con tanto di foto scattate alle siringhe abbandonate per strada dai loro utilizzatori. "Esco dallo studio - scrive Biondi - e vedo scappare una coppia di turisti inorriditi da Vicolo della Croce Rossa. Mi affaccio e vi è gruppo di persone, tra cui dei ragazzi giovanissimi, a drogarsi che a loro volta se ne vanno. Questo è lo scenario che propone Pisa alla luce del giorno".

Una denuncia ripresa anche dal consigliere regionale Dem, Antonio Mazzeo. "Ancora una volta - commenta Mazzeo - la realtà arriva a dimostrare tutta l'inutilità degli slogan, delle ordinanze spot e degli incarichi a onorevoli spacciati per esperti in sicurezza. Serve (anzi, servirebbe) che l'amministrazione comunale leghista cominciasse, dopo due anni e mezzo, a fare qualcosa di concreto per questa città e smettesse di abbandonarla, giorno dopo giorno, sempre più a se stessa. Non è solo un problema di decoro urbano, ma è una tragedia sociale".

Foto dalla pagina Facebook di Antonio Mazzeo

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Giani annuncia: "Dal 4 dicembre Toscana zona arancione"

  • Coronavirus, il governatore Giani: "Nei prossimi giorni chiederemo di tornare in zona arancione"

  • Toscana zona rossa, la denuncia di Confesercenti: "Concorrenza sleale della grande distribuzione"

  • Commercio in lutto: se ne va Gisberto Moisè, storico pizzaiolo pisano

  • Lutto nel commercio pisano: addio a Roberto Salvini, titolare del bar alle Piagge

  • Coronavirus in Toscana, oltre 1900 i nuovi contagi: calano i ricoveri

Torna su
PisaToday è in caricamento