Cronaca

25 Aprile: "E' il momento di una nuova resistenza"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PisaToday

Il 25 aprile è la Festa della Liberazione. Settantasei anni fa ebbero fine la dittatura fascista e l'occupazione tedesca. L'Italia ritrovò l'unità perduta dopo l'8 settembre del '43. Iniziò il percorso verso la Repubblica, la Costituzione, la democrazia. La dedichiamo al ricordo di Uliano Martini, protagonista della Resistenza, costruttore e difensore della democrazia, amministratore della cosa pubblica, artista e docente, esempio alle nuove generazioni di amore per la pace e per la libertà, per 25 anni Presidente provinciale dell'ANPI di Pisa. La celebriamo in una situazione molto difficile. Abbiamo alle spalle un anno di lutti e di sofferenza. Si intravede l'uscita dal tunnel della pandemia, ma crescono la povertà, le difficoltà economiche, le disuguaglianze. C'è il rischio di una grave crisi occupazionale. Come sempre, nei momenti di disagio c'è chi specula sulle lacerazioni sociali per riportarci indietro. Non possiamo permetterlo. Per uscirne con un'Italia migliore dobbiamo ispirare il nostro impegno ai valori della Costituzione: il lavoro, la dignità della persona, la solidarietà, l'uguaglianza, la pace. Occorre una grande alleanza che unisca le associazioni, i movimenti, i sindacati, i partiti che si riconoscono in questi valori. Una nuova Resistenza.

Bruno Possenti - Presidente provinciale ANPI Pisa

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

25 Aprile: "E' il momento di una nuova resistenza"

PisaToday è in caricamento