Martedì, 22 Giugno 2021
Cronaca

'Earth Hour': la Certosa di Calci spenta contro i cambiamenti climatici

La campagna mondiale di sensibilizzazione del WWF coinvolge il museo dell'Università di Pisa che sarà al buio il 25 marzo dalle 20.30 alle 21.30

Il Comune di Calci, il Museo Nazionale della Certosa Monumentale e il Museo di Storia Naturale dell'Università di Pisa, con la collaborazione dell'Associazione degli amici della Certosa, aderiscono a Earth Hour - l'Ora della Terra. Dalle ore 20.30 alle 21.30 di oggi, sabato 25 marzo, le luci dell'importante monumento, che sta festeggiando i suoi 650 anni, si spegneranno insieme ad altri luoghi simbolo in tutto il mondo. L'Associazione WWF Alta Toscana Onlus ringrazia per la partecipazione di queste tre importanti istituzioni all'evento internazionale.

Earth Hour (Ora della Terra) è la grande mobilitazione globale del WWF che, partendo dal gesto simbolico di spegnere le luci per un'ora, unisce cittadini, istituzioni e imprese in una comune volontà di dare al mondo un futuro sostenibile e vincere la sfida del cambiamento climatico. Dalla prima edizione del 2007, che ha coinvolto la sola città di Sidney, la grande 'ola di buio' si è rapidamente propagata in ogni angolo del Pianeta.

"Il cambiamento climatico - è il messaggio del WWF - evolve molto rapidamente e gli impatti sono sempre più seri e preoccupanti. Finora le azioni dei Governi a livello nazionale e globale sono state troppo lente e poco incisive, non al passo con un rischio che mette a repentaglio il Pianeta come lo conosciamo e dunque la stessa civilizzazione umana. Nella COP21 di Parigi, nel dicembre del 2015, si è però raggiunto un accordo storico che può segnare una inversione di tendenza, a patto che si acceleri la decarbonizzazione, cioè l'abbandono dei combustibili fossili e il passaggio all'energia rinnovabile e a modelli di efficienza e risparmio energetico".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

'Earth Hour': la Certosa di Calci spenta contro i cambiamenti climatici

PisaToday è in caricamento