rotate-mobile
Domenica, 3 Luglio 2022
Cronaca

Edilizia scolastica, rimangono forti criticità: "Al liceo 'Carducci' servono cinque aule in più"

I rappresentanti di Osservatorio Scolastico Permanente e Cittadinanzattiva fanno il punto della situazione dopo l'incontro con le istituzioni

Si è tenuto martedì 7 giugno il Tavolo sull’Edilizia scolastica, convocato dalla Provincia di Pisa, per far fronte alla problematica della carenza di aule riscontrata ad inizio anno scolastico e tuttora perdurante. Presenti all’incontro anche l’assessore all’istruzione del Comune di Pisa Sandra Munno, i dirigenti scolastici degli istituti superiori, i dirigenti dell’Ufficio Scolastico Regionale, le consigliere provinciali Maria Antonietta Scognamiglio e Cristina Bibolotti, con deleghe all’Edilizia e alla Programmazione Scolastica, oltre a rappresentanti dell'Osservatorio Scolastico Permanente e di Cittadinanzattiva. "Le soluzioni sulle quali il presidente Angori e i dirigenti della provincia si sono impegnati daranno maggior respiro per il prossimo anno scolastico ma la situazione resta complessa e rischiosa, in particolare per il Liceo 'Carducci' cui mancano almeno 9 aule per evitare i pesanti disagi dell’anno scolastico in corso" è il riassunto dei rappresentanti dell'Osservatorio Scolastico Permanente e di Cittadinanzattiva.

"Tramontata definitivamente l’ipotesi dei moduli prefabbricati nel giardino della scuola, con mesi persi a discuterne per poi realizzare la presenza di un vincolo paesaggistico, solo adesso è stata individuata una soluzione parziale e finalmente sono rese disponibili per settembre 4 aule nell’edificio 'Fascetti' che richiedono solo 'alcuni accorgimenti logistico-organizzativi tecnicamente fattibili'. I lavori termineranno entro l’estate?" si chiedono l'Osservatorio e Cittadinanzattiva. "C’è poi il tema degli spazi della ex scuola 'Perodi' (4 o 5 aule) che si trovano nello stesso edificio del 'Carducci', ma che il Comune ha assegnato al CPIA (Istruzione Adulti). Il 'Carducci' sembra scontare il mancato dialogo fra Comune e Provincia: da mesi, infatti, si ipotizza un utilizzo congiunto fra 'Carducci' e CPIA, che però non è ancora stato definito. Il professor Perini, dirigente del CPIA non è stato neppure invitato al Tavolo, mentre Provincia e Comune continuano a rimpallarsi le responsabilità e a spingere per una soluzione (che peraltro non può essere quella definitiva) di un prestito di aule dal CPIA al 'Carducci', derubricando la questione a un accordo fra dirigenti, quando invece la soluzione più logica sembrava essere assegnare le aule ex-'Perodi' al 'Carducci' e ospitare il CPIA all’interno del complesso di via Contessa Matilde. Dunque mancano tuttora 5 aule al 'Carducci': l’ipotesi di medio-lungo termine potrebbe essere quella di costruire un modulo prefabbricato di 6 aule più servizi presso il 'Da Vinci-Fascetti', in deroga al regolamento urbanistico e previo parere della Sovrintendenza; oppure si potrebbero ottenere 2/3 aule ampliando le aule insegnanti al piano terra del 'Carducci' con modifica del prospetto della facciata. Ma la fattibilità di questi lavori è tutta ancora da verificare e le aule servono ora".

"Resta da parte di tutte le scuole l’esigenza di poter sfruttare tutti i propri spazi, compresi laboratori e biblioteche, in alcuni casi occupati da associazioni esterne al mondo della scuola alle quali Provincia e Comune potrebbero trovare facilmente altre adeguate collocazioni. Problemi di carenze di aule anche al Liceo Artistico, per il quale è previsto a stretto giro un incontro tra la dirigente e l’assessore Munno per gli spazi attualmente utilizzati dal Ministero dei beni culturali come magazzino di libri, e al 'Santoni', i cui lavori di aerazione dovrebbero permettere l’utilizzo di 5 aule nel secondo quadrimestre del prossimo anno. La virtuosa collaborazione fra le presidi del 'Dini' e del 'Galilei-Pacinotti', dovrebbe invece garantire la piena disponibilità di aule e permettere di recuperare anche i laboratori che erano stati sacrificati per ospitare nelle classi nell’emergenza. Inoltre la Provincia, archiviati i moduli prefabbricati non realizzabili, ha avanzato l’ipotesi di costruzione di un’intera palazzina, ex novo, all’interno di uno dei cortili di via Benedetto Croce".

I lavori in corso al Liceo 'Buonarroti' e quelli previsti a breve permetteranno di avere 5 nuove aule a partire da settembre. "Chiediamo alla Provincia di vigilare affinché la ditta appaltatrice termini i lavori entro il 5 settembre come previsto, così da permetterci l’inizio dell’anno scolastico in tranquillità" ha detto il dirigente Salerni. Qual è il commento dell’Osservatorio Scolastico e di Cittadinanzattiva che hanno partecipato attivamente a tutte le sessioni del Tavolo? "Le 2 associazioni concordano nella sintesi: passi avanti rispetto all'anno scorso, con il recupero di un certo numero di aule ma anche conferma di una carenza di aule almeno per la prima parte del prossimo anno scolastico. La Provincia ha inseguito per mesi la soluzione dei moduli prefabbricati che si è rivelata irrealizzabile, ha ricevuto una pesante bocciatura del progetto di finanziamento in ambito PNRR per la ricostruzione del complesso 'Marchesi', e ancora non ha sfruttato a pieno l’ottimizzazione degli spazi che invece ha dato ottimi risultati in via Benedetto Croce. Inoltre ci sono tutti una serie di domande che aspettano soluzione concrete da molti mesi e sulle quali non registriamo alcun progresso. Ad esempio, possibile che ancora non si sappia con certezza come verranno utilizzati gli spazi della ex-'Perodi'? Perché non si sono ancora trovate sistemazioni alternative per le associazioni che sfruttano spazi interni alla scuola? La criticità del 'Russoli' per gli spazi utilizzati come magazzino libri della Biblioteca Universitaria chiusa dal 2012 era anche fra i punti del Tavolo di Febbraio e ancora non si è fatto niente? Per concludere lanciamo una proposta alla stampa: farsi portatrice della richiesta alla Provincia di pubblicare sul sito, in modo trasparente a disposizione di tutti i cittadini, il fabbisogno di aule e la disponibilità, e il crono-programma di tutti gli interventi programmati, e un appello alle forze politiche pisane perché monitorino sul rispetto dei tempi delle soluzioni di breve termine e lavorino per soluzioni strutturali e sostenibili di più ampio respiro per le scuole di Pisa".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Edilizia scolastica, rimangono forti criticità: "Al liceo 'Carducci' servono cinque aule in più"

PisaToday è in caricamento