Cronaca

Scuole che 'cadono a pezzi', la Provincia: "Al lavoro per risolvere le criticità"

Il presidente Angori ha incontrato gli studenti delle scuole superiori pisane durante una loro manifestazione: "Necessario riaprire la discussione politica sul ruolo delle Province"

"La Provincia di Pisa è al lavoro per dare risposte a studenti, docenti e personale tecnico amministrativo, dopo i disagi e le proteste che si sono che si sono verificati nei giorni scorsi". E' quanto afferma in una nota il presidente dell'ente, Massimiliano Angori che nei giorni scorsi ha incontrato a Pisa un gruppo di ragazze e ragazzi riuniti in corteo, composto da studenti di tutte le scuole pisane e, successivamente, una delegazione di studenti del Buonarroti presso il loro Istituto, poiché anch’essi alle prese con infiltrazioni di acqua dall’esterno e altri disagi di natura strutturale.

Concetto Marchesi

"Le piogge intense e costanti di questi ultimi venti giorni hanno gravato su alcune situazioni già bisognose di interventi di vario tipo, e già all’attenzione della Provincia" ha affermato Angori. "E’ bene precisare, infatti, che per quanto concerne il Complesso Marchesi, ad esempio, la nuova centrale termica è stata installata ed è funzionante dai primi giorni di novembre; nei prossimi giorni, compatibilmente con le condizioni meteorologiche, saranno installate anche le nuove canne fumarie e completati alcuni lavori di finitura anche nelle singole aule".

Buonarroti

"Per quanto riguarda il Buonarroti - prosegue la nota - e le infiltrazioni di acqua che si sono verificate presso gli uffici amministrativi e le aule al piano terra, la Provincia prevede di realizzare, possibilmente entro l’anno, compatibilmente con le condizioni meteorologiche, il rifacimento della impermeabilizzazione della corrispondente copertura (zona interessata del camminamento esterno, ndr).Gli interventi potranno essere realizzati quando le parti da trattare saranno sufficientemente asciutte, per non vanificare l’intervento stesso. Per le infiltrazioni di acqua nelle aule 'satellite', queste sono concentrate in particolari zone e tendono a diffondersi a seconda dell’intensità delle piogge". In questo caso servirebbe quindi "un intervento radicale che prevedere il completo rifacimento del manto di copertura sull’intera ala dell’edificio. L’intervento dovrà essere quindi progettato e programmato sul prossimo esercizio finanziario”. Gli Uffici stanno comunque verificando la possibilità di realizzare un intervento tampone per superare la stagione invernale.

Liceo Montale a Pontedera

La Provincia di Pisa sta monitorando anche la situazione del Liceo Montale di Pontedera, dove, nel corpo principale dell’edificio, si sono verificate infiltrazioni in un’aula lato ovest del piano secondo e nella sottostante aula del piano primo. "E’ stata rilevata sulla copertura - si legge nella nota della Provincia - una copiosa presenza di aghi di pino che in parte ostruivano i canali di gronda, causando il tracimamento delle acque. Nell’immediato è stata eseguita la pulizia della copertura ed in questi ultimi giorni anche la sigillatura delle giunzioni del canale stesso e degli imbocchi dei discendenti. I ripristini sulle pareti interne invece saranno effettuati non appena le stesse saranno asciutte".

"Preme ricordare - continua Angori - che la Provincia ha partecipato nel 2018 al bando per la formazione del piano regionale di edilizia scolastica 2018/2020 presentando sette progetti, la cui graduatoria è stata approvata dalla Regione Toscana con appositi decreti: tra questi progetti vi è quello di fattibilità tecnica ed economica riguardante la costruzione del nuovo edificio del Liceo, collocatosi al 12°posto della graduatoria. Al momento è stato consegnato il progetto definitivo, cui seguirà, dopo lo svolgimento della conferenza di servizi, quello esecutivo e la gara per l’affidamento dei lavori, il tutto entro il prossimo anno".

"Riaprire il dibattito sulle Province"

Le piogge dei giorni scorsi hanno inoltre "causato problemi di infiltrazione anche su altri edifici scolastici di competenza provinciale, sia a Pisa che a Pontedera, a Cascina, a San Miniato ed a Volterra. Per tutte le situazioni gli Uffici della Provincia si sono prontamente attivati per far fronte alle maggiori criticità, dando avvio agli interventi necessari, taluni già eseguiti ed altri in corso di realizzazione oppure di prossimo inizio". Conclude Angori: "Come ogni Provincia ci troviamo ad affrontare queste situazioni con risorse economiche, ma anche umane, che non sono assolutamente sufficienti per far fronte a situazioni davvero complesse. Ritengo sia fondamentale, dunque, riaprire il dibattito politico su questa competenza centrale delle Province".
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scuole che 'cadono a pezzi', la Provincia: "Al lavoro per risolvere le criticità"

PisaToday è in caricamento