Emergenza Covid: l'Aoup mette a disposizione degli operatori la foresteria

La struttura della Foresteria degli Spedalinghi in via Pera può arrivare ad un massimo di 42 ospiti. Ecco come fare domanda

L’Aoup, come nella scorsa primavera, ha nuovamente messo a disposizione la Foresteria degli Spedalinghi per venire incontro agli sforzi del personale impegnato in prima linea nell’emergenza Covid-19. La struttura, situata in via Luigi Pera 3 (nelle vicinanze dell’ingresso 4), dispone di 21 camere doppie con letti singoli di cui 15 con cucina. Per il momento le camere verranno concesse ad uso singolo e, ove necessario, sarà previsto l’utilizzo in doppia per poter ospitare un massimo di 42 persone.

I criteri di assegnazione terranno conto del numero di conviventi, dell’impossibilità ad usufruire di altre abitazioni, della disponibilità a condividere la camera e di eventuali ulteriori motivazioni da ritenersi preferenziali. Gli ospiti potranno usufruire su richiesta del servizio mensa serale che sarà fornito direttamente in Foresteria con la stessa modalità con cui viene fornito il pasto ai degenti. Tale servizio di accoglienza, a totale carico dell’Aoup, sarà attivato domani, sabato 14 novembre, e sarà accessibile al solo personale impegnato in ambiente Covid-19

Sul sito web CLICCA QUI sono scaricabili il modulo di richiesta del posto letto e la scheda di accettazione con informativa e consenso (da presentare al momento del check in). La mail a cui mandare la documentazione è: foresteriadeglispedalinghi@ao-pisa.toscana.it.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, "Toscana da domenica zona arancione"

  • Nuovo Dpcm, più libertà per gli spostamenti tra comuni: le proposte dalla Toscana

  • Più spostamenti in un comune diverso: ordinanza regionale in vista della zona arancione

  • Dpcm Natale 2020, il decreto legge che vieta gli spostamenti tra regioni e comuni

  • Comune di Pisa: nuovi bandi per assumere un falegname, un elettricista e un agronomo

  • Nuovo Dpcm, Conte: "Costretti a ulteriori restrizioni per evitare terza ondata"

Torna su
PisaToday è in caricamento