Cronaca

Furti zona Bagni di Nerone, Confesercenti: "Scriveremo a Questore e Prefetto"

L'associazione chiede maggiore attenzione al tema sicurezza con misure straordinarie

Confesercenti torna a sottolineare al presenza di un problema sicurezza, dopo il caso del Parlascio Caffè, insieme ad un altro bar ed un ristorante nei pressi dei Bagni di Nerone. Il responsabile Fiepet dei pubblici esercizi del centro storico Federico Benacquista: "Le spaccate, i furti e le rapine ai danni delle attività commerciali sono ormai diventate un bollettino di guerra quotidiano. Ormai nessuna attività può ritenersi al sicuro da queste situazioni. I pubblici esercizi sono diventati da alcune settimane a questa parte il bersaglio preferito dei ladri che, nella maggior parte dei casi, procurano danni ingenti agli infissi e alle attrezzature, per pochi spiccioli di fondo cassa o qualche bottiglia di liquore. Senza contare il danno derivante dal mancato lavoro per il ripristino delle condizioni di normale svolgimento dell'attività".

Conclude poi rappresentante Confesercenti: "Agli imprenditori colpiti la piena solidarietà di tutti noi colleghi del gruppo dirigente e la disponibilità della nostra struttura per qualunque necessità o supporto, anche informativo". Il presidente Confesercenti area pisana Luigi Micheletti: "Dopo gli eventi seriali e ripetuti di questi giorni, è sorprendente la mancanza di attenzione delle istituzioni preposte alla gestione della sicurezza, dalle quali ci saremmo attesi una convocazione d'urgenza, alla presenza delle categorie economiche, per l'adozione di misure straordinarie atte a contrastare la situazione. Scriveremo subito a Prefetto e Questore per chiedere conto delle azioni che le nostre Forze dell'Ordine stanno mettendo in campo per il contrasto di questi fenomeni, azioni che è evidente come si stiano dimostrando insufficienti e debbano essere ripensate".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Furti zona Bagni di Nerone, Confesercenti: "Scriveremo a Questore e Prefetto"

PisaToday è in caricamento