Apre l'enoteca 'alla Guccini' sfidando la crisi Covid

Massimo Monacci corona il suo sogno di un locale in centro a Pisa, dopo 20 anni di negozio di dischi: ecco 'L'Avvelenata - Vini e Vinili'

Il Coronavirus costringe le attività economiche alla cautela, ma il vecchio sogno di aprire un locale in centro a Pisa è stato più forte di tutto. Massimo Monacci ci è riuscito, nonostante la pandemia abbia per 3 mesi ritardato il suo progetto, il cui avvio era previsto per aprile. Nessuna partecipata inaugurazione, ma alla fine l'enoteca come la desiderava lui ha aperto i battenti: è 'L'Avvelenata - Vini e Vinili', in vicolo del Tinti 28.

Il nome omaggia l'omonima canzone del noto cantautore Francesco Guccini. "L'Avvelenata è un piccolo negozio di vini, vinili e cd, nonché vineria con taglieri, nel cuore di Pisa" spiega il proprietario Massimo Monacci, che di volta in volta seleziona vinili, cd e vini con competenza e con racconti appasionati. Una lunga carriera la sua: 53 anni, sommelier e grande conoscitore di musica, per 20 anni ha gestito il suo negozio di dischi a Pontasserchio, per poi lavorare 8 anni nel campo della ristorazione a Pisa.

Un luogo intimo dove "far canzoni e bere vino", dove ritrovarsi tra persone che "hanno tante cose da raccontare per chi vuole ascoltare". Il locale, chiuso la domenica, è aperto il lunedì dalle 17 alle 22, martedì, mercoledì e giovedì dalle 10 alle 14 e dalle 17 alle 22, il venerdì e sabato dalle 10 alle 14 e dalle 17 a mezzanotte.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo decreto dal 16 gennaio: prosegue lo stop agli spostamenti tra regioni

  • Toscana zona gialla: cosa si può fare e cosa no dal 16 gennaio

  • Bonus mobili 2021, come ottenere le detrazioni: i requisiti

  • Coronavirus in Toscana: 379 nuovi casi positivi

  • Coronavirus, le palestre GimFive in protesta: anche a Pontedera struttura aperta il 15 gennaio

  • Pisa S.C., vicina la svolta: il magnate russo Knaster vuole acquistare il club

Torna su
PisaToday è in caricamento