Esuberi ex Continental, Rossi incontra i lavoratori: "Le persone non sono sacchi di patate"

Il governatore ha espresso solidarietà ai lavoratori sottolineando l'impegno della Regione per il mantenimento dei posti di lavoro. In settimana incontro con i vertici della multinazionale

Visita lunedì pomeriggio, 25 novembre, del presidente della Regione Enrico Rossi nello stabilimento di Fauglia della Vitesco (ex Continental) per incontrare i lavoratori e le rappresentanze sindacali della multinazionale, dopo l'annuncio di consistenti esuberi nei due siti toscani del gruppo.

"Siamo qui per parlare con i lavoratori e per capire. Gli uffici della Regione hanno già preso impegno di incontrare il direttore delle produzioni, incontro che dovrebbe avvenire giovedì o venerdì di questa settimana - ha sottolineato il governatore - vogliamo capire cosa è successo: una decisione simile è di grande impatto sociale e ci auguriamo che venga al più presto gestita. Questa è un'azienda di altissima qualità tecnologica, che produce diversi brevetti ogni anno. Una capacità che la Regione ha supportato finanziando progetti di ricerca con risorse regionali e dei fondi europei. In corso di realizzazione c'è anche un progetto di percorsi formativi per sviluppare nei lavoratori le competenze necessarie a sostenere la transizione dal motore di tipo tradizionale all'ibrido. Se questo passaggio è l'orizzonte futuro in cui si colloca anche questa vicenda, non c'è dubbio che uno stabilimento produttivo, con maestranze preparate e qualificate debba continuare a produrre. E mentre si sviluppano la ricerca e la tecnologia per il passaggio, ormai obbligato, all'elettrico, è importante che prosegua anche la produzione più tradizionale finchè, come ci dicono i lavoratori, la domanda c'è e rimane forte".

"La Regione sta dalla parte dei lavoratori - ha proseguito Rossi - non si può dall'oggi al domani mettere in discussione centinaia di posti di lavoro, giocare con la vita delle persone annunciando esuberi prima per 500 e poi addiritttura per 700. Le persone non sono sacchi di patate che possono essere spostati così, senza dare spiegazioni. Vogliamo capire cosa è cambiato e perchè. E chiediamo di essere coinvolti, per trovare le soluzioni migliori per tutti".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tutto questo, ha annunciato il presidente, la Regione lo andrà a dire quanto prima all'azienda. E giovedì, o al massimo venerdì, Rossi tornerà a Fauglia per incontrare il direttore di produzione. "Noi abbiamo già detto che siamo disponibili a supportare investimenti in ricerca per favorire la transizione all'ibrido - ha concluso Rossi - perchè a questo sito produttivo non vogliamo rinunciare. Per questo investiremo con forza anche il governo, al quale porremo anche il problema dei tanti lavoratori somministrati impiegati in azienda. Poi chiederemo un tavolo e parteciperemo attivamente agli stati generali del settore automotive. Ci batteremo con tutti i mezzi possibili".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus in Toscana: 17 nuovi casi, 2 a Pisa

  • Ragazza investita a Marina di Pisa: arrestato il pirata della strada

  • In arrivo piogge e temporali in Toscana: emessa allerta meteo

  • Apre l'enoteca 'alla Guccini' sfidando la crisi Covid

  • Coronavirus in Toscana: sei nuovi casi, due a Pisa

  • Lungarni, assalto con il tombino all'alba: 'visita' in gelateria e al bar

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PisaToday è in caricamento