Escandescenze contro capotreno e poliziotti: arrestato 21enne

A bordo del convoglio Torino-Salerno il giovane, trovato con un biglietto sbagliato, ha perso la testa. E' successo nella notte fra mercoledì e giovedì

Violenza, minaccia, lesioni personali e resistenza a pubblico ufficiale. Sono i reati contestati ad un cittadino nigeriano di 21 anni, arrestato dopo mezzanotte oggi, 24 ottobre, dalla Polizia Ferroviaria di Civitavecchia presso la stazione di Pisa. 

Il giovane era a bordo del treno Torino-Salerno. Il capotreno ha contestato allo straniero che stava viaggiando con un biglietto diverso da quello utile per la corsa del treno, chiedendo l'intervento degli agenti presenti sul convoglio in servizio di scorta. I poliziotti sono intervenuti per identificare il 21enne, ma all'invito di esibire un valido documento di riconoscimento lui ha opposto un netto rifiuto, dicendo che era sprovvisto sia del passaporto che del permesso di soggiorno. Si è poi anche rifiutato di comprare un biglietto e di scendere dal treno una volta giunti alla più vicina stazione, in quel momento Pisa. Ha quindi cominciando ad insultare i poliziotti ed il capotreno, fino a scagliarsi contro di loro.

Nella colluttazione due degli agenti e il capotreno hanno riportato lievi lesioni. Una volta arrivati a Pisa sono arrivati anche i rinforzi della Polfer locale ed alla fine gli operatori sono riusciti a bloccare il giovane e riportarlo alla calma. Terminati gli accertamenti di rito è scattato l'arresto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Muore in bici travolto da un'auto

  • Lungarno Pacinotti: cede la paratia e precipita dalle spallette

  • Travolto in bici da un'auto: la vittima aveva 22 anni

  • Cede il fondo stradale: chiuso cavalcavia della superstrada

  • Coronavirus, l'epidemiologo fa il punto: "Massima allerta, ma niente panico"

  • A Marina di Pisa sbarca il 'tempio' degli hamburger di qualità

Torna su
PisaToday è in caricamento