menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus, Giani: "Contagio esteso in Toscana. La campagna di vaccinazione accelera"

La Regione balla sul limite dei 250 casi ogni 100mila abitanti: venerdì 2 aprile la comunicazione sul colore della fascia dal 7 aprile. Ritardi negli appuntamenti per il vaccino Astrazeneca limitati a domani, accelerano le vaccinazioni degli over 80

"Quanto restera' in zona rossa la Toscana?": da venerdì scorso, quando tutta la popolazione ha appreso che da lunedì 29 marzo il territorio regionale sarebbe entrato nella fascia con le restrizioni più rigorose, questa domanda rimbalza in tutte le case e nei luoghi di lavoro (rimasti aperti). La risposta all'Agenzia Dire del governatore Eugenio Giani è improntata alla cautela e alla nuda cronaca quotidiana: "Non lo so. Non voglio pronunciarmi su questi dati che in questo periodo sono assolutamente oggettivi. Oggi sono stati più di 1.500 i casi, significa quindi che il contagio non se ne va, che è piuttosto esteso in Toscana. Di conseguenza domani verranno fatte le somme e siamo sul limite, è inutile mettersi a fotografare la situazione adesso". E aggiunge: "Per il mese di aprile, secondo le disposizioni del Governo, esistono solo zone rosse e arancioni: queste sono determinate da un rapporto di 250 contagiati su 100mila abitanti. Si tratta domani di fare la somma e vedere".

Intanto, come anticipato ieri, la giornata di mercoledì 31 marzo è caratterizzata dal ritardo nelle somministrazioni del vaccino Astrazeneca. In particolare la fascia interessata da una rimodulazione del calendario degli appuntamenti è quella compresa tra i 70 e i 79 anni: solo chi si è prenotato il primo aprile vedrà slittare il proprio appuntamento, per la precisione al 7 aprile. Dal 2, invece, sono confermate le somministrazioni regolari negli hub. Merito di un aiuto concreto arrivato da Roma, assicurato dal commissario nazionale all'emergenza Coronavirus, Francesco Figliuolo. "Ho ringraziato poco fa il generale Figliuolo perché possiamo procedere regolarmente, come anticipato ieri, con la somministrazione per le persone fra i 70 e i 79 anni fin da venerdì 2. Quindi ci sarà solo un giorno di ritardo. Per evitare confusione nell'invio di sms, coloro che avevano la prenotazione il primo di aprile sono da considerarsi prenotati alla stessa ora e nello stesso luogo per il 7 aprile". Questo perché, fa sapere Giani, "arriveranno le dosi previste il 2 sera, ma in realtà ci sarà anticipato domani un carico da Roma di 10mila dosi che restituiremo a compensazione la prossima settimana nella successiva fornitura".

E' prevista, invece, una decisa accelerazione nella campagna di immunizzazione degli over 80. Giani lo spiega all'Agenzia Dire: "Ci aspettiamo oggi, domani e dopodomani una forte somministrazione di vaccini per gli over 80. Mi aspetto di superare le 20mila inoculazioni di vaccini agli over 80 al giorno. Vorrei ringraziare i medici di famiglia per il lavoro che svolgono e tutto lascia pensare, perché hanno ritirato le dosi, che noi possiamo arrivare all'obiettivo che ci proponiamo". Il governatore infine fa il punto sulla campagna di vaccinazione contro il Covid a livello regionale: "Stamani eravamo a 14mila dosi somministrate- aggiunge- il mio obiettivo e' che si vada oltre le 20mila dosi il giorno di Pasqua. Oggi mi attendo una bella somministrazione, ma il numero effettivo lo daremo stasera. Tutto, pero', mi lascia intendere che oggi sara' la prima giornata in cui supereremo le 20mila somministrazioni di Pfizer per gli ultraottantenni".


 


 


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Covid, la Toscana passa in zona arancione

  • Eventi

    I film in uscita ad aprile su Amazon Prime Video

Torna su

Canali

PisaToday è in caricamento