Domenica, 19 Settembre 2021
Cronaca Pratale / Via San Giovanni Bosco

Evasi al Don Bosco: cade nella fuga, fermato e trasportato in ospedale

Uno dei due detenuti è stato già rintracciato: si è fatto male durante l'evasione ed è stato costretto ad arrestare la sua corsa verso la libertà. Hanno usato lenzuoli come corda per oltrepassare il muro di cinta

E' già stato rintracciato e fermato uno dei due detenuti evasi questa mattina dal carcere Don Bosco di Pisa. Uno dei due infatti, un nordafricano, è caduto durante la fuga e ha dovuto fermarsi. E' stato così raggiunto dalle forze dell'ordine. Ora si trova ricoverato e piantonato nel reparto di ortopedia dell'ospedale pisano. Proseguono le ricerche dell'altro evaso, un italiano, mentre é in corso nel carcere Don Bosco un sopralluogo degli agenti della squadra mobile di Pisa, che stanno indagando per ricostruire la dinamica dei fatti.


I due sarebbero fuggiti facendo un buco nel muro e poi riuscendo a calarsi dal muro di cinta con un lenzuolo usato come corda. Questa una prima ricostruzione dell'accaduto secondo Giuseppe Nazzaro, vicesegretario nazionale del sindacato di Polizia Penitenziaria Ciisa/Fsa. "Una dinamica identica a quella riscontrata per l'evasione del luglio del 2010. E' rimasto inascoltato il nostro allarme. Anche questa volta - ha detto Nazzaro - non ha funzionato il sistema antiscavalcamento a raggi infrarossi. Era disattivato per motivi economici?" ha chiesto il dirigente sindacale sollecitando il fatto che la polizia penitenziaria sia "messa in condizione di lavorare". (fonte Ansa)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Evasi al Don Bosco: cade nella fuga, fermato e trasportato in ospedale

PisaToday è in caricamento