Fidejussioni tossiche, Auletta pronto per l'aula di Tribunale: "Bottai spieghi il caso alla città"

E' fissata per il 10 settembre l'udienza sull'archiviazione della denuncia formulata dall'imprenditore nei confronti del capogruppo di Diritti in Comune

Dopo un primo rinvio il 22 maggio scorso, sarà il prossimo 10 settembre l'udienza presso il Tribunale di Pisa per la denuncia per diffamazione promossa dall'imprenditore Stefano Bottai ai danni dell'attuale capogruppo di Diritti in Comune Francesco Auletta sul caso fidejussioni tossiche.

All'avvicinarsi della data che discuterà dell'archiviazione richiesta dal Pm, il consigliere comunale è voluto tornare sul caso invitando la controparte a "spiegare pubblicamente alla città i suoi comportamenti, molto rilevanti a livello pubblico dato che sono legati a manovre immobiliari per milioni di euro. Ricordo che Bottai era amministratore delegato della Sviluppo Navicelli quando presentò in Comune nel 2009 due fidejussioni della Union Credit, che nel 2015 scoprimmo essere carta straccia. E lo scoprimmo durante atti ispettivi legati al fallimento della società nel 2015, un fallimento anomalo secondo noi, visto che la Navicelli aveva appena incassato 22 milioni per i terreni Ikea".

Insiste Auletta: "Il totale di garanzie inefficaci fornite da Bottai al Comune, ente colpevole di non aver controllato, è di oltre 5 milioni di euro. Con fogli senza valore ha ottenuto permessi a costruire, questa è la verità. Il Comune di Pisa al pari si è attivato, seppure tardivamente, con indagini interne, sanzioni disciplinari a dirigenti, esposti in Procura. Il fatto che Bottai denunci me e coinvolga persino la stampa, chiedendo il sequestro di un articolo, è un fatto grave: se l'imprenditore è stato raggirato, perché non chiede conto a chi lo ha danneggiato invece che a noi, che abbiamo fatto emergere il caso? Temiamo che questo sia un messaggio, come a dire che ci sia qualcuno intoccabile, e non è accettabile".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Personalmente - conclude Auletta - sono serenissimo in vista dell'udienza. Invito ancora una volta Bottai ad avere un confronto pubblico sulla vicenda, perché il suo agire al momento sembra voler ribaltare la verità". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, approvato il decreto scuola: ecco cosa cambia

  • Coronavirus, l'emergenza ferma il Giugno Pisano: saltano Luminara, Gioco del Ponte e Palio

  • In Toscana scatta l'obbligo delle mascherine: chi deve indossarle e in quali occasioni

  • Emergenza Coronavirus: distribuzione di mascherine a domicilio per i cittadini pisani

  • Coronavirus, i balneari pisani attendono con fiducia la bella stagione

  • Coronavirus: 175 nuovi casi in Toscana, il numero dei guariti supera i deceduti

Torna su
PisaToday è in caricamento