rotate-mobile
Mercoledì, 10 Agosto 2022
Cronaca Castelfranco di Sotto

Castelfranco: dalla Regione oltre 147mila euro per migliorare i servizi educativi dell'infanzia

Le novità sottolineate dal Comune sono: riduzione rette fino a 550 euro l’anno, ampliamento servizi educativi 0-3, supporto alle spese di gestione

La Giunta Regionale Toscana ha approvato il piano di riparto a favore delle amministrazioni comunali messi a disposizione nell’ambito del Piano di Azione Nazionale pluriennale per la promozione del sistema integrato dei servizi di educazione e istruzione per le bambine e i bambini dalla nascita fino a sei anni. Al Comune di Castelfranco di Sotto sono assegnati 68.800 euro per l’annualità 2021 e 79.000 euro per il 2022. Un totale di oltre 147.000 € di risorse finalizzate a 'consolidare e ampliare la rete dei servizi educativi per l’infanzia (0-3 anni) a titolarità pubblica e privata convenzionata'.

I finanziamenti saranno così distribuiti:
Risorse 2021 - Anno educativo 2021/22 e 2022/23
- riduzione delle rette a carico delle famiglie per i servizi educativi a gestione diretta 0-3 (con un impegno di 24.900 €)
- ampliamento dei servizi educativi 0-3 (posti aggiuntivi) in convenzione (con spesa di 26.000 €)
- supporto alle spese di gestione dei servizi comunali o privati (per l’ammontare di 17.900 €).

Risorse 2022 - Anno educativo 2022/23 e 2023/24
- ampliamento dei servizi educativi 0-3 (posti aggiuntivi) in convenzione (spesa di 26.000 €)
- riduzione delle rette a carico delle famiglie per i servizi educativi a gestione diretta 0-3 (48.600 €)
- supporto alle spese di gestione dei servizi comunali (4.600 €)

L’amministrazione comunale di Castelfranco di Sotto intende quindi sostenere le famiglie attraverso la riduzione delle tariffe, riconoscendo la gratuità dell’intero mese di luglio 2022 (a.e. 2021/22) e un abbattimento di 50 euro mensili (riconoscendo quindi alle famiglie una riduzione annua complessiva fino a 550 euro) ai bambini frequentanti i servizi per la prima infanzia gestiti direttamente o frequentanti i posti convenzionati per gli anni educativi 2022/23 e 2023/24. Inoltre, si vuol dare risposta ai bisogni delle famiglie con bambini 0-3 residenti nelle Frazioni, con l’acquisto di 2 posti-bambino presso il nido privato accreditato 'Isola che c’è' di Galleno e 4 posti-bambino presso l’asilo privato accreditato 'Sant’Anna' di Orentano.

"La prima infanzia rappresenta una delle priorità della nostra amministrazione alla quale prestiamo sempre molta attenzione - dichiara l’assessore alla Scuola Ilaria Duranti - l’obiettivo infatti è quello di rompere il circolo vizioso dello svantaggio sociale, di dare a tutti la possibilità di accedere ai servizi educativi, fondamentale per la crescita dei bambini e utili anche all’organizzazione delle famiglie. Il ruolo dei servizi di educazione ed accoglienza per l’infanzia di qualità è fondamentale e siamo felici di poter sostenere con nuove risorse lo sviluppo di questo ambito". "La gratuità del mese di luglio 2022 e la riduzione delle tariffe prevista per l’anno educativo 2022/23 e 2023/24 sono traguardi importanti - sottolinea l’assessore - così come l’acquisto dei posti presso i nidi privati accreditati sono un importante aiuto che cerchiamo di dare a chi vive nelle nostre frazioni". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Castelfranco: dalla Regione oltre 147mila euro per migliorare i servizi educativi dell'infanzia

PisaToday è in caricamento