rotate-mobile
Martedì, 21 Maggio 2024
Cronaca Calcinaia

Rigenerazione urbana: siglato l'accordo per il finanziamento del progetto guidato da Calcinaia

La firma è avvenuta alla presenza del governatore Eugenio Giani e dei sindaci degli altri 12 progetti sostenuti da fondi FESR

La programmazione europea 2021-2027, attraverso il Fondo sociale europeo, destina nuove risorse per incentivare l'inclusione sociale nella realizzazione di progetti integrati di rigenerazione urbana con l’obiettivo di promuovere lo sviluppo sociale, economico e ambientale integrato e inclusivo, la cultura, il patrimonio naturale, il turismo sostenibile e la sicurezza nelle aree urbane. Sono state individuate 13 'Strategie territoriali' che interesseranno 19 Comuni della Toscana e che saranno  finanziate con 80 milioni del Fondo europeo di sviluppo regionale FESR 2021-2027. A questi Comuni la Regione destina, tramite l’Accordo firmato nella mattina di martedì 2 maggio dal presidente Eugenio Giani con i Comuni coinvolti, ulteriori 650mila euro che serviranno ad organizzare processi partecipativi di condivisione e di coinvolgimento della cittadinanza (attività di co-design, Urban Living Lab, ecc.).

Oggi, alla firma dell’Accordo con i 19 Comuni coinvolti, era presente anche l’assessore Stefano Baccelli insieme ai 19 sindaci dei comuni di Follonica; Siena; Poggibonsi; Lucca; Prato; San Giovanni Valdarno; Livorno; Monteroni d’Arbia in coalizione con Rapolano Terme e Castellina in Chianti; Firenze; Calcinaia in coalizione con Bientina, Buti e Vicopisano; Empoli in coalizione con Capraia e Limite; Bagno a Ripoli; Sesto Fiorentino. Ed è notizia di stamani, annunciata dal presidente Giani, che a questi 80 milioni se ne aggiungono altri 18 per l’efficientamento energetico e il verde urbano.

"La rigenerazione urbana - ha detto Giani - rappresenta un salto di qualità nella progettazione; è uno strumento flessibile per riqualificare spazi, quartieri, giardini in termini di sostenibilità e vivibilità. La rigenerazione urbana è la misura che sta riscuotendo maggiore successo e l’accordo siglato oggi è un ulteriore contributo di 650mila euro che si aggiunge ai 98 milioni (80 più i 18 per l’efficientamento) che mettiamo a disposizione di questi 19 Comuni della Toscana per attività di partecipazione, utile a capire le varie priorità delle comunità. Voglio sottolineare - ha aggiunto Giani - quanto il concetto della Toscana diffusa si sta esprimendo proprio attraverso gli interventi di rigenerazione urbana. Quindi una Toscana che attraverso l’accordo di oggi dà il senso di una nuova frontiera di modernità rispetto a cui la Regione interviene, non con aiuti sulla singola opera pubblica, ma sul profilo della qualificazione di angoli, spazi importantissimi di un paese secondo i secondo i principi della Toscana diffusa. Si tratta - ha concluso Giani ringraziando il direttore della direzione urbanistica Aldo Ianniello - di un elemento virtuoso e di novità, finalizzato alla concertazione e condivisione di obiettivi fra pubbliche amministrazioni".

"Agli 80milioni - ha proseguito l’assessore Stefano Baccelli - se ne aggiungono altri 18 grazie alla collaborazione con l’assessorato all’ambiente per il tema dell’efficientamento energetico e il verde urbano. Stiamo parlando di 13 strategie territoriali che coinvolgono 19 Comuni per 98 milioni di euro. La rigenerazione urbana è uno dei nostri obiettivi, lo è nella legge del governo del territorio, la numero 65/1014, lo è nel piano paesaggistico, ma devo dire che abbiamo fatto un salto di qualità già con i progetti PIU quando abbiamo cominciato a mettere risorse della Regione a favore dei Comuni per queste riqualificazioni. Questo - ha specificato Baccelli - è forse il progetto più importante in termini economici, ma voglio ricordare che anche per i comuni sotto i 20mila abitanti e 5mila abitanti abbiamo destinato risorse dedicate per 35 milioni di euro. Dunque una spinta forte della Regione Toscana, soldi spesi benissimo perché i nostri comuni hanno una grande capacità progettuale che abbiamo anche stimolato” Baccelli ha infatti ricordato la collaborazione con Anci per il Parco progetti richiesto ai comuni “Sono già 1200 i progetti raccolti e questi progetti servono non solo a partecipare ai bandi della Regione, ma anche ai bandi del Governo, i Pinqua. Non solo dunque una Toscana che si sta rigenerando, riqualificando, ma anche piazze strade, immobili che non avevano più una funzione, grazie a questi progetti vengono adeguati alle esigenze del tempo e delle comunità".

Ecosistema culturale Valdera nord Monte pisano

Il progetto proposto dai Comuni di Calcinaia, Bientina, Buti e Vicopisano si articola sui seguenti interventi:
- restauro funzionale della ex scuola elementare'Domenico Cavalca' di Vicopisano;
- restauro funzionale dei due immobili strettamente connessi e più rilevanti del comune di Buti: Castello Tonini - II lotto e Teatro di Bartolo;
- rigenerazione culturale all’interno del centro storico di Calcinaia, tra il corso Vittorio Emanuele, via Saffi, via Ricasoli e via Torre Upezzinghi con riqualificazione del patrimonio edilizio esistente dichiarato di interesse culturale quale la Torre Upezzinghi, la Torre Mozza e il Museo della Ceramica attraverso interventi di restauro ed efficientamento energetico per favorire la localizzazione di musei didattici, coworking, polo museale di eccellenza, legato alla ulteriore valorizzazione dell’arte della ceramica.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rigenerazione urbana: siglato l'accordo per il finanziamento del progetto guidato da Calcinaia

PisaToday è in caricamento