Giovedì, 23 Settembre 2021
Cronaca

Pisa città universitaria d'Italia: firmato il primo patto per lo sviluppo

Siglato da Comune ed Ateneo l'accordo, primo sul territorio nazionale, che recepisce le direttive del protocollo Anci-Crui, che vede l'Università come volano di crescita economica e civile

Un binomio, già solido nelle iniziative passate e nell'immaginario collettivo della città, che diventa sempre più concreto. E' stato firmato a Palazzo Gambacorti, oggi primo luglio, il 'Patto attuativo del Protocollo Anci-Crui', documento che fissa 10 obiettivi in cui Comune di Pisa ed Università si impegneranno a sviluppare sinergie e progetti per lo sviluppo reciproco e per il territorio. Si parte da ben 64 progetti già avviati, che spaziano dal bikesharing al recupero dell'area del Santa Chiara, dall'edilizia studentesca alle collaborazioni su ricerca e innovazione.

IL CONTESTO. A settembre 2015, a Pavia, era stato varato dall'Associazione Nazionale dei Comuni Italiani (Anci) e dalla Conferenza dei Rettori delle Università Italiane (Crui) il protocollo nazionale che fissava le linee guida nazionali per favorire e sviluppare la collaborazione fra città ed Atenei. Reciproci accessi a strutture e servizi, governance condivise, investimenti ed iniziative comuni. Pisa con oggi è stata la prima città italiana a dare corpo attuativo a queste indicazioni.

I CONTENUTI. Ad illustrare i contenuti dell'accordo sono stati il rettore Massimo Augello ed il sindaco Marco Filippeschi. Erano poi presenti gli assessori Serfogli, Chiofalo e Forte, mentre per l'Università c'erano i prorettori Dal Canto, Santoro, Grasso, Paci e Carlesi.

"E' un momento importante visto il peso che l'Università ha in città - esordisce Filippeschi - questa intesa parte da una ricognizione che abbiamo fatto di quanti progetti sono già avviati, e ne abbiamo trovati 64. Sono tanti, una eredità progettuale da seguire che lasceremo anche dopo i nostri mandati. Il nostro piano attuativo potrà essere un modello per altre città". Fra i temi il sindaco cita "lo sviluppo dell'area costiera, il sistema museale e le intese con la Regione, Cittadella Galileiana e recupero della Sapienza", ma anche attività d'impresa: "La Leitner, l'azienda del Pisa Mover, ha migliorato il suo progetto sfruttando personale altamente formato locale, usando poi il know how in gare internazionali. Il bikesharing Ciclopi è nato da tesi di laurea di ingegneria. Tutto rientra nell'alveo dell'attrattività del territorio anche chiaramente per investimenti di aziende".

Dalla collaborazione viene anche la programmazione dello sviluppo della città. C'è il tema delle residente studentesche, "Manterremo gli impegni - dice Filippeschi - la Paradisa sta passando ad Invimit e speriamo così di avere finalmente un soggetto con cui trattare l'acquisizione per avere 500 nuovi alloggi per gli studenti". Lo sviluppo vale per tutta l'urbanistica universitaria: "Si cercherà di organizzarla sempre più per poli, a cui allacceremo i servizi cittadini".

"Con oltre 50mila studenti su 90mila abitanti - considera il rettore Augello - è chiaro che ci sia una progettualità da affrontare. Abbiamo tanti esempi di spessore che danno lustro all'Università e alla città, e questo è possibile solo grazie alla collaborazione che abbiamo avuto in questi anni. Siamo a fianco del Comune".

BIBLIOTECA PROVINCIALE. Un ulteriore caso di sinergia potrebbe essere la soluzione per la gestione dell'importante struttura oggi in bilico. "Siamo a disposizione per la gestione - ha affermato Augello - non è facile definire i passaggi, ma ci stiamo lavorando". Conferma Filippeschi: "E' un momento istituzionale difficile, fra competenze incerte e tagli, ma stiamo pensando ad un grande hub per studenti e città. Le verifiche per la fattibilità, anche giuridica visto il caos province, sono in corso".

ECONOMIA E UNIVERSITA'. "Siamo stati la prima università - afferma in chiusura Augello - a fare un studio insieme ad Irpet, quindi non da soli, sull'impatto economico che il nostro Ateneo ha sull'economia della città. Emergono risultati sorprendenti, che saranno resi noti mercoledì alla presenza del presidente della Regione Rossi". L'evento è previsto al Polo Fibonacci alle ore 10.45, saranno presenti anche i vertici della Crui, con il presidente Gaetano Manfredi ed il responsabile dell'area economica Giacomo Pignataro, e il direttore generale della Direzione Università del Miur Daniele Livon.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pisa città universitaria d'Italia: firmato il primo patto per lo sviluppo

PisaToday è in caricamento