Furbetto della Ztl smascherato dalla Polizia Municipale

Per mesi ha circolato nella zona a traffico limitato cittadina esibendo il permesso per invalidi della madre deceduta a maggio scorso

Negli ultimi sei mesi era transitato nella Ztl ben 134 volte, esibendo l’autorizzazione invalidi rilasciata alla madre, deceduta nel maggio scorso, per non incorrere in sanzioni. E’ quanto emerso da un controllo periodico dei permessi da parte della Polizia Municipale durante il quale è stato verificato che l’autorizzazione, invece di essere restituita alla morte del genitore, veniva usata dal figlio per accedere abusivamente nella zona a traffico limitato. Iniziata la ricerca, la pattuglia dei Vigili ha intercettato il veicolo e ha provveduto a identificare il conducente; immediato il ritiro del permesso invalidi e la successiva notificazione di tutte le 134 sanzioni per essere entrato in Ztl senza averne il titolo.

"Un’operazione che dimostra la grande professionalità ed attenzione dei nostri agenti - commenta l’assessore alla sicurezza Giovanna Bonanno - impegnati quotidianamente non soltanto nel complesso controllo del territorio ma anche nel contrastare tutte quelle situazioni di illegalità che, come in questo caso, si ripercuotono a danno di onesti cittadini e soprattutto delle persone più fragili. Un costante ed assiduo lavoro da parte dei nostri agenti che sta portando ad importanti risultati su ogni fronte e ai quali rivolgo i miei più sentiti ringraziamenti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, "Toscana da domenica zona arancione"

  • Nuovo Dpcm, più libertà per gli spostamenti tra comuni: le proposte dalla Toscana

  • Più spostamenti in un comune diverso: ordinanza regionale in vista della zona arancione

  • Dpcm Natale 2020, il decreto legge che vieta gli spostamenti tra regioni e comuni

  • Comune di Pisa: nuovi bandi per assumere un falegname, un elettricista e un agronomo

  • Nuovo Dpcm, Conte: "Costretti a ulteriori restrizioni per evitare terza ondata"

Torna su
PisaToday è in caricamento