Cronaca Calambrone

Calambrone: rubano kitesurf e chiedono un 'riscatto' al proprietario

La vittima del furto aveva ricevuto una telefonata anonima con la richiesta di 400 euro. Tempo dopo ha ritrovato il kitesurf in vendita su internet, ha fissato con i venditori un incontro al quale si è presentato con la Polizia

Gli rubano il kitesurf. Poi chiedono soldi per restituirglielo. Il singolare episodio è capitato ad un livornese di 44 anni che ha subito il furto in un circolo di windsurf del Calambrone. Gli autori della tentata estorsione, due pisani di 38 e 39 anni, sono stati denunciati dalla Squadra Mobile di Livorno dopo un'indagine coordinata dalla Procura, e, insieme altri due complici, originari sempre di Pisa di 42 e 55 anni, sono stati denunciati in concorso anche per ricettazione.

Il livornese derubato aveva marchiato la sua tavola con nome, cognome e numero di telefono. Dopo il furto ha denunciato alla Polizia di aver ricevuto una telefonata anonima con la quale gli si chiedevano 400 euro per la restituzione del surf. Poi, più nessun contatto fino a quando è riuscito a ritrovare la sua tavola in vendita su internet e, accordandosi con il 'venditore', a ottenere un appuntamento per la visione della merce ad un distributore di carburante di Livorno.


Qui, insieme alla vittima, ad attendere i due 'venditori' che si sono presentati all'appuntamento, c'erano però anche gli uomini della Squadra Mobile camuffati da clienti, che hanno quindi provveduto a bloccare e identificare i truffatori. I due hanno subito ammesso le proprie responsabilità e, dopo ulteriori indagini, anche i restanti complici sono stati individuati e denunciati.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Calambrone: rubano kitesurf e chiedono un 'riscatto' al proprietario

PisaToday è in caricamento