Giovedì, 28 Ottobre 2021
Cronaca Vicolo Quarantotti, 4

Furto alla libreria Tornalibro: "Devastata la sala interna e sottratti due computer"

Il titolare dell'attività che si trova in vicolo Quarantotti: "Zona ormai allo sbando. Mi sento amareggiato e violato"

E' entrato spaccando una finestra con un grossa e pesante pietra e, una volta dentro al negozio, ha messo a soqquadro una delle sale interne rubando due computer che contenevano tutti i documenti e l'archivio della libreria. E' accaduto nella notte tra il 28 febbraio e l'1 marzo alla libreria Tornalibro, una piccola attività di vendita di libri usati e d'occasione, luogo di incontri e presentazioni, che si trova in vicolo Quarantotti, nel centro storico di Pisa, non lontano da piazza Dante e piazza delle Vettovaglie. A denunciare l'accaduto il titolare, Paolo Proietti.

"Tra danni e materiale sottratto ho subito una perdita di circa mille euro - racconta Proietti - che non sono pochi per chi gestisce una piccola attività come la mia. Il ladro è entrato da una finestrella che si trova sopra la vetrina dell'attività, l'unica parte del negozio non protetta dalle persiane. Per entrare ha spaccato il vetro utilizzando un grosso copritombino di cemento. Tutto deve essere accaduto tra le due e le tre di notte. Questo perchè il rumore dei vetri infranti ha allertato alcuni studenti che abitano lì vicino, che si sono affacciati intimando al ladro di andarsene. Il malvivente, dalle descrizioni probabilmente un giovane, a quel punto si è allontato. I vicini hanno quindi allertato i Carabinieri anche se il giorno dopo, quando ho denunciato l'accaduto, non risultava alcun intervento in zona".

Secondo il commerciante il malvivente non se ne sarebbe quindi andato, ma si sarebbe nascosto non lontano dall'esercizio. "Più tardi - prosegue Proietti - è quindi potuto entrare all'interno del negozio dalla finestra che aveva spaccato poco prima. Nel farlo si deve anche essere tagliato, visto che ho trovato anche macchie di sangue. Una volta dentro ha messo a soqquadro una delle stanze e rubato due computer. Poi è uscito calandosi da una finestra che da sempre su vicolo Quarantotti. A mio parere ad attenderlo fuori aveva un complice, perchè l'apertura si trova a circa 4,5 metri di altezza e la vedo complicata calarsi da lì con due computer in mano".

Ad avvertire il commerciante i vicini e i clienti del negozio il giorno dopo l'accaduto. "La mattina del primo marzo - racconta ancora Proietti - il negozio era chiuso a causa della neve, ma ho ricevuto una mail dai ragazzi che avevano allertato i Carabinieri. Nel mentre mi sono arrivati diversi messaggi da parte dei clienti che si dispiacevano per l'accaduto. Quindi sono andato al negozio e quando sono entrato sono rimasto senza parole. Sembrava esplosa una bomba. A quel punto ho chiamato i Carabinieri".

Per Proietti si tratta del primo furto subito da quando ha aperto l'attività alla fine del 2014. "Ma in qualche modo me lo aspettavo - dice il commerciante - ho sempre pensato che prima o poi qualche balordo sarebbe entrato dentro il negozio. Purtroppo questa zona è allo sbando e anche recentemente si sono verificati diversi episodi simili". Il lato positivo della vicenda, se così si può dire, è la solidarietà espressa al commerciante da clienti e vicini. "I messaggi che ho ricevuto sono stati tanti. E questo fa sicuramente piacere. Mi sento però anche molto amareggiato. Da un lato perchè mi sento come se fossi stato in qualche modo violato dall'altra perchè forse, con un pò di attenzione in più, tutto questo si sarebbe potuto evitare".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Furto alla libreria Tornalibro: "Devastata la sala interna e sottratti due computer"

PisaToday è in caricamento