Cronaca

Ospedale Cisanello, derubato paziente nella notte: "Potevano anche far del male a mio fratello"

E' accaduto fra il 27 ed il 28 giugno presso l'edificio 31B. A denunciare il fatto è il fratello della vittima. Qualcuno è entrato nella stanza ed ha portato via 170 euro

"Non è certo una perdita che cambia la vita, ma è il principio che conta: trovo incredibile che delinquenti possano avere totale libertà di movimento in un ospedale". E' amareggiato Giuseppe Trupia, fratello di un paziente del reparto di Neurochirurgia all'Ospedale Cisanello che questa notte, fra il 27 ed il 28 giugno, ha subìto il furto di 170 euro mentre dormiva nella sua stanza al secondo piano dell'edificio 31B.

"Il malintenzionato avrebbe potuto persino far del male a mio fratello, in un luogo che si presuppone debba essere sicuro, oltre che utile alla guarigione". Il ladro ha agito indisturbato: "Mio fratello era solo nella stanza a due letti. Chi è entrato ha aperto l'armadietto e preso i soldi dal gilè e pure quelli nel cassetto del comodino. Dopo che lo abbiamo scoperto sono andato al posto di Polizia dell'ospedale, dove mi hanno detto di non poter prendere la denuncia. Così ho chiamato i Carabinieri, ma poi non sono andato in caserma. Mi hanno detto che senza videosorveglianza, che non c'è per questioni di privacy, non possono fare niente. Così alla fine ho deciso che avrei solo pubblicamente denunciato il fatto, che trovo vergognoso".

"Ho chiesto anche al personale dell'ospedale - insiste Giuseppe - e mi hanno detto che sono cose che capitano. Siamo saliti dalla Sicilia apposta per l'operazione, che è andata perfettamente e l'assistenza e la gentilezza sono stati davvero ottimi. Davvero niente da dire sulla parte medica. Questo brutto episodio però mi ha colpito e volevo che si sapesse".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ospedale Cisanello, derubato paziente nella notte: "Potevano anche far del male a mio fratello"

PisaToday è in caricamento