Martedì, 28 Settembre 2021
Cronaca Centro Storico / Piazza della Stazione

Ruba due valigie alla stazione centrale: fermato dalla Polfer

Denunciato per furto aggravato un pregiudicato 48enne. In uno dei bagagli c'erano importanti medicine per la vittima, la refurtiva è stata recuperata e restituita alla proprietaria

Ancora un furto sui binari 8 e 9 della stazione centrale. Questa volta la vittima è una signora peruviana di 54 anni, a cui sono state sottratte due valigie. La donna ha denunciato il furto alla stazione della Polfer, che è riuscita a rintracciare il ladro. Denunciato in stato di libertà per furto aggravato un pregiudicato 48enne di Napoli.

I fatti sono accaduti ieri sera, martedì 12 aprile, intorno alle 22.30. E' questo l'orario dell'allarme dato dalla vittima, che stava aspettando il treno per Pontedera. Per comprare una bottiglia d'acqua al distributore automatico ha lasciato i bagagli pesanti vicino al sottopassaggio centrale. Allontanatasi di circa 20 metri il ladro, vestito scuro e con un cappellino, ha colpito. La donna lo ha visto ed inseguito verso il marciapiede del binario 13. Uscita sulla piazzetta esterna lato via Quarantola lo ha però perso di vista ed ha così avvisato la Polfer.

Grazie alla visione delle telecamere di sorveglianza gli agenti hanno potuto capire nel dettaglio l'azione, fino a riconoscere il noto soggetto, poche ore prima identificato in stazione. Sono così iniziate le ricerche, anche perché in uno dei bagagli c'erano importanti medicine per la vittima, dato che il giorno prima aveva subìto un'operazione chirurgica.

Dopo un'ora l'uomo è stato trovato davanti il cancello di ingresso in via Corridoni. Una volta fermato ha confessato il furto, mostrando l'unica refurtiva trafugata: 2 cd musicali. Il resto era stato abbandonato ai cassonetti della spazzatura di una via vicina. La refurtiva è stata così recuperata e restituita alla donna.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ruba due valigie alla stazione centrale: fermato dalla Polfer

PisaToday è in caricamento