Lunedì, 20 Settembre 2021
Cronaca Peccioli

Peccioli e Creta si uniscono in gemellaggio per sensibilizzare alla donazione del sangue

L'unione riguarda il Gruppo Fratres di Fabbrica e i Donatori di Vita di Rethymno

Si tratta del primo gemellaggio a livello europeo che mette in relazione non due città ma due associazioni. Una immersa in un borgo della Valdera, l’altra in una città nel cuore della bellissima isola di Creta. Due mondi apparentemente lontani ma che nel volontariato e nella donazione di sangue hanno trovato l’elemento di unione che ha superato ogni barriera, il Covid-19 in primis, e ogni distanza. E il 31 luglio ha visto la firma ufficiale di un patto che unisce il Gruppo Fratres di Fabbrica con i Donatori di Vita di Rethymno.

"Il Gruppo Fratres di Fabbrica festeggia nel 2021 i 45 anni dalla sua fondazione, un momento importante per l’associazione che, nonostante la pandemia, voleva essere celebrato in un modo unico - racconta Chiara Gronchi, assessore del Comune di Peccioli e socia del gruppo di donatori di sangue - il segretario dell’associazione, Matteo Salvadori, è stato molte volte in Grecia. E da lì è nata l’idea di cercare un’associazione simile con la quale stringere un patto". Da lì parte la ricerca e i primi contatti con la Federazione Panellenica donatori volontari di sangue. La proposta è chiara: il gruppo di Fabbrica di Peccioli ha una lunga storia, un’associazione strutturata e con esperienza. Il soggetto ideale per un gemellaggio è un’associazione greca con una storia più recente ma con entusiasmo e la voglia di crescere. Ecco, dunque, che l’attenzione cade sull’associazione Donatori di Vita di Rethymno, a Creta. Nata soltanto sette anni fa ma con un gruppo unito, affiatato e molto attivo.

"Il primo contatto con loro c’è stato a febbraio, in piena pandemia. Abbiamo iniziato il nostro rapporto parlando sempre online, per poi vederci, dal vivo, per la prima volta solo lo scorso luglio - spiega ancora Gronchi - abbiamo ricevuto la delegazione greca di circa 20 persone e, grazie al patrocinio del Comune di Peccioli, l’abbiamo ospitata facendo conoscere il nostro territorio". Il sabato successivo, ovviamente, visita al centro trasfusionale di Pontedera dove i Donatori di Vita di Rethymno si sono confrontati con il personale sanitario. Lo stesso giorno, il 31 luglio nel pomeriggio, a Fabbrica è stata sancita, con tanto di firma, l’ufficializzazione di questa unione Italia-Grecia con la presenza dei componenti dei due gruppi, dei due presidenti Daniele Mangini e Nikos Koulentakis, dei rappresentanti delle amministrazioni comunali di Peccioli e Rethymno e dei rappresentanti del provinciale, regionale e nazionale della Fratres, e della federazione nazionale Panellenica Posea oltre al console onorario di Grecia a Livorno Elena Konstantos.

"Questo ponte di amicizia, amore e volontariato vogliamo che sia l'inizio di una proficua collaborazione fra fratelli che portano avanti il medesimo obbiettivo - spiega ancora Gronchi - siamo molto felici di aver realizzato questo gemellaggio per festeggiare il 45esimo anniversario di fondazione del gruppo Fratres di Fabbrica e ringraziamo di cuori tutte le persone che hanno reso possibile tutto ciò".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Peccioli e Creta si uniscono in gemellaggio per sensibilizzare alla donazione del sangue

PisaToday è in caricamento