rotate-mobile
Mercoledì, 10 Agosto 2022
Cronaca Centro Storico

"Rispettiamo davvero la tradizione: riportiamo il Gioco del Ponte alla domenica"

La proposta di Confesercenti per tutelare il lavoro dei commercianti del centro storico

Spostare il Gioco del Ponte alla domenica, come vuole la tradizione. Questa la richiesta che Confesercenti Toscana Nord, con il suo presidente area pisana Luigi Micheletti e con il responsabile centro storico Francesco Mezzolla, hanno protocollato al termine dell’ultima edizione della sfida tra Tramontana e Mezzogiorno. "Richiesta - spiegano i due responsabili dell’associazione - che è stata formulata anche in Consiglio comunale dal consigliere del Patto Civico Antonio Veronese, ricevendo un netto rifiuto da parte dell’assessore alle manifestazioni storiche Filippo Bedini".

Micheletti e Mezzolla motivano la loro richiesta. "La fine dell’emergenza sanitaria ed il progressivo allentamento delle restrizioni allo svolgimento delle attività economiche e sociali ha consentito, e di questo siamo compiaciuti, la ripresa del Giugno Pisano con il suo cartellone di eventi, iniziative e manifestazioni che richiamano la storia e le tradizioni della nostra città. Riteniamo fondamentale che sussista un equilibrio tra le legittime esigenze delle attività commerciali e di ristorazione del centro cittadino, che stanno tuttora attraversando un momento molto delicato dopo due anni di pandemia e alle prese con il rincaro dei consumi energetici, e la passione che accompagna i numerosi appassionati che si dedicano al mondo delle rievocazioni storiche, ed in particolare al Gioco del Ponte, con il suo corteo storico e la successiva disfida sul Ponte di Mezzo. Nello specifico lo svolgimento della manifestazione nella giornata del sabato dell’ultimo weekend di giugno - aggiungono - è fortemente penalizzante per le attività commerciali cittadine in quanto la gestione della manifestazione prevede la chiusura al traffico veicolare dei lungarni già a partire dalle 14 e l’impossibilità di usare numerosi stalli di sosta, rendendo di fatto inaccessibili le attività commerciali cittadine. E ciò accade sempre nell’ultimo fine settimana che precede l’inizio dei saldi estivi di fine stagione, dunque un weekend importante per le numerose attività commerciali del settore moda".

Da qui la proposta di Confesercenti Toscana Nord "di spostare lo svolgimento del Gioco del Ponte al giorno successivo, ovvero l’ultima domenica di giugno, come peraltro è già stato per un periodo di diversi anni, nemmeno troppo lontani. Ci teniamo a precisare che la nostra organizzazione è da sempre strettamente legata al Gioco del Ponte avendo istituito, in collaborazione con l’Associazione Amici del Gioco il Ponte, il premio del Morione assegnato ogni anno ai figuranti che si sono maggiormente distinti nel corteo storico. Con lo slittamento alla domenica inoltre i commercianti sarebbero incentivati ad avere un ruolo attivo di tipo promozionale sulla manifestazione. Con la nostra proposta - concludono Luigi Micheletti e Francesco Mezzolla - il Gioco del Ponte non sarebbe pregiudicato e si verrebbe a creare un importante equilibrio con gli interessi delle attività commerciali cittadine e la loro accessibilità".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Rispettiamo davvero la tradizione: riportiamo il Gioco del Ponte alla domenica"

PisaToday è in caricamento