Giornata per la fratellanza umana: "Tutti uniti contro il Coronavirus"

Appuntamento interreligioso in Piazza dei Miracoli per invocare la sconfitta della malattia. La vicesindaco Bonsangue: "Imparata lezione di umiltà"

Anche Pisa si è tenuto ieri, 14 maggio, in Piazza dei Miracoli, l'incontro per l'invocazione interreligiosa affinché finisca la pandemia determinata dal Coronavirus. L'iniziativa era stata lanciata a livello nazionale dall'Alto Comitato per la fratellanza umana, il cui invito è stato rilanciato anche da Papa Francesco la scorsa domenica 3 maggio. Per il Comune di Pisa, insieme all'Arcivescovo Benotto e l'imam di Pisa Mohammad Khalil, era presente la vicesindaco Raffaella Bonsangue.

"Nessuno avrebbe potuto prevedere la portata della pandemia che ha colpito indistintamente tutta l’umanità - ha detto Bonsangue - ed è difficile prevedere e contenere, oggi, le drammatiche conseguenze economiche che la diffusione del Coronavirus ha già prodotto e produrrà in futuro. Doverosamente abbiamo raccolto l’invito dell’Arcivescovo a questo momento di raccoglimento, senza celebrazioni liturgiche, ma per professare un credo comune a tutti gli uomini nella necessaria coesione di fronte ad un nemico insidioso e comune".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Nei lunghi giorni dell’isolamento per contrastare e contenere il contagio - analizza - abbiamo visto comprimere uno dei diritti fondamentali dell’uomo, quello della Libertà, in nome di un interesse superiore che è quello della salute e abbiamo avuto l’occasione per imparare una lezione di umiltà: il fattore umano e quello della trascendenza sono tornati centrali nei pensieri e nelle azioni di ciascuno, di fronte ai tanti morti e ai tanti eroici sacrifici di chi si è speso in prima persona per aiutare gli ammalati mettendo a rischio se stesso. L’amministrazione comunale ha adottato molte iniziative per stare accanto a chi già versava in difficoltà e vedrà, purtroppo, con ogni probabilità aggravare la propria situazione, contributi alle famiglie, alle scuole, agli autonomi, una vicinanza concreta che ispira e condiziona nel rispetto delle norme e nella consapevolezza della limitatezza dei mezzi ogni azione di governo della città di Pisa".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni comunali a Cascina: è ballottaggio tra Betti e Cosentini

  • Elezioni regionali Toscana 2020, le proiezioni: Giani in vantaggio

  • Elezioni Regionali, Ceccardi sconfitta anche nella sua Cascina

  • Incidente stradale davanti allo stadio a Pontedera: muore 30enne

  • Covid a scuola: due classi di licei pisani in quarantena

  • Coronavirus a scuola, tre studenti positivi: quarantena per compagni di classe e insegnanti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PisaToday è in caricamento