Giornata della Protezione Civile: "Coinvolgere i cittadini e lavorare sulla prevenzione"

Mezzi e uomini impegnati per affrontare l'emergenza riuniti in piazza Vittorio Emanuele. Assegnati i premi annuali: ecco i nomi

Si è svolta in piazza Vittorio Emanuele questa mattina, sabato 22 settembre, la Giornata della Protezione Civile, un'occasione per vedere i mezzi e gli uomini, professionisti e volontari, che entrano all'opera nei casi di emergenza. Un’occasione ormai tradizionale per presentare alla città il bilancio annuale delle attività e per ricordare gli uomini, le associazioni e le istituzioni che si impegnano ogni anno per la sicurezza della propria comunità.

Tante le autorità presenti, tra cui l’assessore con delega alla Protezione Civile Raffaele Latrofa, il capo di gabinetto della Prefettura di Pisa Roberta Monni, il dirigente Protezione Civile Regionale Riccardo Gaddi, il direttore generale del Dipartimento di Protezione Civile della Presidenza del Consiglio dei Ministri Agostino Miozzo e il sindaco di Pisa Michele Conti, che ha letto la Relazione annuale sull’attività svolta dalla Protezione Civile di Pisa.

Relazione annuale Protezione Civile Pisa

“La giornata della Protezione Civile, giunta alla XIVª edizione - ha dichiarato il primo cittadino - è l’occasione per poter vedere la rappresentazione plastica del lavoro di sinergia, collaborazione, coordinamento di una rete fatta di competenze, impegno e grande professionalità composta da oltre 40 enti, associazioni e numerosi volontari che in caso di emergenza organizzano le varie risposte sul territorio, nel resto del tempo lavorano sulla prevenzione dei pericoli. Un territorio come quello pisano ha caratteristiche e conformità tali da richiedere un impegno quotidiano e di prospettiva, organizzato tramite un Piano di Protezione Civile: la presenza dell’Arno, ad esempio, pone il rischio degli allagamenti, l’estesa superficie boschiva del Parco di San Rossore quello degli incendi, la presenza aeroporto quella dell’incidente aereo, oltre al rischio neve e al rischio sismico”.

“Il compito del Comune di Pisa e l’impegno che assumo per la nuova amministrazione - ha proseguito il sindaco - è quello di consolidare, supportare, e valorizzare quello che è già un sistema efficiente e capace di operare in emergenza con tempi certi ed adeguata preparazione, affiancandolo a una sensibilità sull’argomento che guiderà la nostra azione amministrativa anche quando si tratterà di investire risorse o dare indirizzi di pianificazione territoriale. Si può fare prevenzione solo se non si parla soltanto agli addetti ai lavori: giornate come queste sono importanti per coinvolgere la città, perché il nostro sistema di Protezione Civile non può fare a meno del contributo di ogni singolo cittadino. Sono convinto che tutti insieme ci potremo porre degli obiettivi ambiziosi per rendere sempre più sicura la nostra comunità”.

I premi annuali della Protezione Civile

La Giornata della Protezione Civile si chiude ogni anno con la cerimonia di consegna dei premi. Dal 2006 vengono assegnati i premi annuali della Protezione Civile, nati con lo scopo di promuovere, sviluppare e coltivare la crescita dell’impegno nell’ambito della Protezione Civile.

I premi vengono attribuiti a due persone, una individuata tra gli addetti ai lavori (Premio Semeraro, intitolato dal 2009 in ricordo del Generale della Guardia di Finanza Paolo Semeraro) e l’altra tra i cittadini (Premio Verdigi) che, per l’impegno sociale o la solidarietà nel loro agire, hanno ben rappresentato i valori propri della Protezione Civile. Un terzo premio, di livello internazionale, viene attribuito ogni anno ad una personalità che si è distinta per capacità organizzative, competenza, preparazione, intuizione o capacità di intervento ed è intitolato a Kinzica de’ Sismondi, giovane nobile pisana che secondo la leggenda salvò la città dall’invasione dei saraceni, mettendo in allarme l’intera città.

Il premio Paolo Semeraro per gli addetti ai lavori quest’anno è stato assegnato al Servizio 118 Pisa – Livorno per il prezioso lavoro svolto quotidianamente sul territorio e per la passione e la professionalità mostrate sia nelle attività ordinarie che in eventi straordinari, da ultimo il soccorso di un bambino in difficoltà a Marina di Vecchiano il 1° agosto 2018.

Il premio Marco Verdigi per i non addetti ai lavori è stato assegnato all’unanimità a Stefano Marini per la prontezza d’animo ed il grande coraggio mostrati nel salvataggio di una persona caduta in mare a Marina di Pisa il 15 maggio 2018.

Il premio internazionale 'Kinzica' è stato assegnato all’on. Giuseppe Zamberletti a riconoscimento della sua lunga carriera, per aver concepito e fondato il Servizio nazionale della Protezione Civile e per aver gettato le basi della Protezione Civile europea.

Infine la Protezione Civile di Pisa quest’anno ha voluto inoltre consegnare un riconoscimento al Liceo Artistico dell’Istituto d’Istruzione Superiore Carducci di Volterra, per la grande creatività a professionalità con cui da oltre 10 anni sono realizzate opere artistiche di eccellenza e massima espressione dei valori della Protezione Civile.

Ad assegnare i premi e coordinare la cerimonia, insieme alla dirigente del Comune di Pisa Manuela Ballantini, l’assessore Raffaele Latrofa: "La Giornata della Protezione Civile, giunta alla quattordicesima edizione, costituisce un appuntamento importante con la città, che si concretizza con l’attiva e ampia partecipazione della popolazione. Nello spirito di collaborazione che caratterizza la Protezione Civile, ogni anno riuniamo le Forze dell’Ordine e della Sicurezza Pubblica, il Corpo dei Vigili del Fuoco, gli Enti e le Associazioni, per fare il punto sulla gestione delle emergenze oltre a divulgare alla cittadinanza le informazioni utili per un’adeguata prevenzione e sensibilizzazione. Il coinvolgimento e la partecipazione della cittadinanza nelle esercitazioni, la dotazione di strumentazioni sempre più sofisticate, nonché la divulgazione dati da un’unica fonte di avvertimento, ci consentono di migliorare la tempistica d’intervento diffondendo alla cittadinanza informazioni sempre più puntuali e capillari. Siamo contenti dei traguardi raggiunti - ha concluso Latrofa - ma possiamo e dobbiamo fare molto altro, soprattutto sulla prevenzione; proprio su questo aspetto mi sento di poter garantire il massimo impegno dell’amministrazione Comunale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Giani annuncia: "Dal 4 dicembre Toscana zona arancione"

  • Coronavirus, il governatore Giani: "Nei prossimi giorni chiederemo di tornare in zona arancione"

  • Commercio in lutto: se ne va Gisberto Moisè, storico pizzaiolo pisano

  • Lutto nel commercio pisano: addio a Roberto Salvini, titolare del bar alle Piagge

  • Coronavirus in Toscana, oltre 1900 i nuovi contagi: calano i ricoveri

  • Coronavirus nel pisano: 33 casi a Pisa, 20 a Santa Maria a Monte

Torna su
PisaToday è in caricamento