Sabato, 25 Settembre 2021
Cronaca

Giornata contro la violenza sulle donne: gli appuntamenti a Pisa e provincia

Tanti appuntamenti nel pisano per sensibilizzare sul problema che in Italia e in provincia resta grave. Nel nostro Paese uccise nel 2015 84 donne, con disoccupazione a Pisa al 44%. In calendario flash mob, presentazioni, dibattiti e spettacoli

Il 25 novembre in tutto il mondo si celebra la 'Giornata Internazionale per l'Eliminazione della Violenza Contro le Donne'. In questa data, resa istituzionale dell'Assemblea Generale delle Nazioni Unite nel 1999, si ricorda l'assassinio delle tre sorelle Mirabal avvenuto nel 1960 nella Repubblica Dominicana durante il regime del dittatore Rafael Leonidas Trujillo. I numeri in Italia sono gravi: il Rapporto Eures 2013 sugli omicidi volontari in Italia, tra il 2002 e il 2013, parla di oltre 2200 femminicidi, 171 l'anno. Nel 2013 sono state uccise 81 donne: nel 75% dei casi il delitto è stato compiuto in famiglia.

Il problema è presente anche in provincia di Pisa. Nei giorni scorsi, l'associazione Casa della donna di Pisa, che gestisce un centro antiviolenza, e la Rete delle associazioni contro la violenza alle donne hanno presentato il rapporto 'Un anno di violenze nelle zona pisana: dati novembre 2014-ottobre 2015'. "In dieci anni di attività - afferma Carla Pochini, presidente della Casa della Donna - grazie alle numerose azioni di sensibilizzazione, prevenzione, formazione, integrazione dei percorsi di uscita dalla violenza, è molto cresciuta nella nostra zona la conoscenza del problema della violenza di genere e circa 2.500 donne hanno trovato ascolto e sostegno per ricostruire un nuovo progetto di vita".

La coordinatrice del centro antiviolenza Giovanna Zitiello pone l'attenzione sull'analisi dei dati: "Costatiamo uno stabilizzarsi del numero delle donne che si sono rivolte al Telefono Donna (217), ma un aumento di donne che chiamano per chiedere un’opportunità di lavoro o di ospitalità (15%). E' la crescente povertà, quella che rende le donne più fragili e ricattabili. Infatti il dato della disoccupazione continua a crescere: dal 30% dello scorso anno al 44%, e solo il 21% delle donne ha un contratto a tempo indeterminato".

Sempre nel periodo novembre 2014-ottobre 2015, al pronto soccorso di Pisa il 'codice rosa' è stato attivato per 63 donne e 6 minori vittime di violenza. I dati del Consultorio familiare della zona pisana parlano di 33 donne prese in carico nel periodo in questione, per maltrattamenti fisici, sessuali o psicologici e di 71 colloqui di sostegno psicologico.

SAN GIULIANO. Il Comune di San Giuliano Terme sostiene "il contrasto alla violenza sulle donne, alla violenza di genere, deve essere una priorità della nostra società. Una priorità che richiede un percorso normativo forte ed efficace, ma soprattutto una rivoluzione culturale che deve interessare ciascuno di noi e soprattutto le nuove generazioni: il definitivo superamento degli stereotipi e degli atteggiamenti che da questi derivano circa i ruoli delle donne e degli uomini".

Il Consiglio delle Pari Opportunità di San Giuliano Terme ha organizzato per il 25 novembre una performance dedicata alle donne morte nel 2015 a causa della violenza di genere. Da Palazzo Niccolini, sede del comune, alla centrale piazza Italia saranno disposte 84 scarpe rosse in onore di queste donne. In piazza i loro nomi saranno ricordati in una sagoma dell'illustratrice e grafica Carmen Castellano. A partire dalle ore 16 verrà letta una poesia originale di Anna Maria Ricci e data lettura pubblica dei nomi delle 84 donne.

CASCINA. La sezione soci coop di Cascina, in collaborazione con la Città del teatro e la Consulta delle pari opportunità e della democrazia di genere del Comune di Cascina organizza 'Corpus Magicus – Poesia, musica e canto a fianco delle donne', che si svolgerà alle 16.30 al Centro dei Borghi di Navacchio, con l'attrice Serena Gatti che, accompagnata dalla chitarra di Raffaele Natale, ricorderà la giornata con una performance artistica.

La Consulta delle pari opportunità di Cascina inoltre collaborerà alla realizzazione dell'evento ad ingresso libero che la Città del teatro, il 18 dicembre prossimo, dedicherà al tema della violenza sulle donne, con la proiezione serale di 'Niente di rotto', collage di video interviste raccolte presso i centri anti violenza, cui seguirà l'incontro con l'autore, Andrea Ciommiento. Sempre nel pomeriggio del 18 dicembre sarà aperto al pubblico anche il laboratorio di drammaturgia sociale e messa in scena 'Altre storie sul genere', rivolto ad attrici ed attori, autrici ed autori, operatrici e operatori del sociale (info: formazione@lacittadelteatro.it o www.lacittadelteatro.it).

SANTA CROCE. Sabato 28 novembre alle ore 17 presso il Centro Polivalente Attività Espressive di Villa Pacchiani, nell'iniziativa dal titolo 'Raccontare la violenza' sarà presentato il romanzo di Elena Cerutti 'Lo sconosciuto'. Un diario che è una storia-simbolo, la storia dolorosa di molte donne. Alla serata interverranno il Sindaco Giulia Deidda, la presidente della Consulta Federica Fiori e l'assessore alle Pari Opportunità Carla Zucchi. L'invito della Consulta e dell'Amministrazione comunale a tutte le donne è di partecipare alla serata, non solo per assistere alla presentazione-dibattito su un romanzo che è una testimonianza, ma anche per portare idee ed emozioni e per festeggiarsi con un brindisi finale.

VOLTERRA. L'amministrazione comunale aderisce posizionando all'ingresso del Palazzo Comunale un paio di scarpe rosse, ormai simbolo di questa giornata, con un pannello dove ognuno potrà lasciare un proprio pensiero. "Al termine della Giornata - spiega l’assessore alle politiche sociali del Comune di Volterra  Francesca Tanzini - doneremo il pannello all'associazione 'Le Amiche di Mafalda' come ricordo di questa giornata. Il nostro obiettivo è tenere sempre alta l'attenzione sul tema della violenza per sensibilizzare le donne che ne sono vittime, ma soprattutto per far comprendere anche agli uomini, troppo spesso carnefici, che la violenza non è la risoluzione dei problemi".

PISA. Flashmob a partire dalle ore 16. Due i punti di concentramento: Largo Ciro Menotti e Piazza del Carmine, da dove si partirà alla volta del Ponte di Mezzo un corteo per comporre un ideale filo rosso di stoffa. Il colore rosso contraddistingue da sempre la giornata ed è dunque richiesto. Sul ponte poi verranno letti i nomi di tutte le vittime di quest'anno. In occasione del Flash Mob il Ponte di Mezzo sarà chiuso al traffico veicolare dalle 16 alle 19.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giornata contro la violenza sulle donne: gli appuntamenti a Pisa e provincia

PisaToday è in caricamento