Giornate Fai d'Autunno: alla scoperta della Darsena Pisana

Visite guidate alla scoperta del luoghi e della storia del canale dei Navicelli, il 13 e 14 ottobre 2018

Tornano le Giornate del FAI d'Autunno il prossimo weekend, 13 e 14 ottobre. L'intento è quello di soffermare lo sguardo, spesso sfuggente e distratto, sulle bellezze dimenticate o inaccessibili del Paese. In accordo con la campagna #salvalacqua che il FAI promuove per sensibilizzare sul valore della risorsa idrica, molti percorsi avranno come interesse principale proprio i siti come mulini, dighe, cisterne, depuratori o canali, proprio come a Pisa.

Il gruppo FAI Giovani della Delegazione di Pisa ha deciso infatti di portare il pubblico a conoscere la Darsena Pisana ed il Canale dei Navicelli: un’area che oggi è il centro dello sviluppo specializzato nei settori di comunicazione marittima, economia e turismo, ma che fonda le sue radici nella Pisa del governo mediceo.

L'evento si svolgerà tra sabato 13 e domenica 14 ottobre con il seguente programma: sabato 14 - 18 (ultimo ingresso 17.30), domenica 9 - 18 (ultimo ingresso 17.30). Durante tutto l'orario di apertura sarà replicata la visita all'area della Darsena pisana che prevede quanto segue: passeggiata alla Darsena, visita Cantieri Rossi, visita al peschereccio 'Alga', videoproiezione 'Storia dei Navicelli', visita ai murales in Darsena.

La storia del canale e della darsena

Fu Cosimo I de’Medici che decise di riorganizzare i corsi d’acqua pisani, in particolare con la realizzazione del 'Canale dei Navicelli', chiamato così dal nome delle imbarcazioni che lo attraversavano per raggiungere il nuovo Porto di Livorno, da Pisa. Il periodo d’oro del canale si registra nel XVIII secolo, sotto il governo dei Lorena, durante il quale, grazie a miglioramenti, divenne il collegamento più importante della costa Toscana.

Nel XIX secolo, con l’industrializzazione che interessò il territorio tra Pisa e Livorno, il Canale dei Navicelli fu utilizzato per trasportare i prodotti di questa nuova realtà; ciò fece superare il periodo di crisi causato dal ridimensionamento del traffico delle merci e del trasporto passeggeri, dopo che fu realizzata la linea ferroviaria Pisa-Livorno nel 1848 Il canale vide un altro momento di declino dovuto alla scarsa manutenzione, fino alla sua riorganizzazione nel 1938 che comportò una riduzione della lunghezza a 18 km e l’ampliamento in larghezza e profondità dell’alveo che permise il passaggio di navi fino a 60 tonnellate e di velieri ad alberatura fissa.

La realizzazione di questo progetto fu affidata all’ingegnere Giovanni Girometti, il quale dotò la Darsena Pisana anche della Palazzina degli Uffici. I periodi di crisi però non finirono; infatti nel 1943 Pisa subì il bombardamento degli alleati, il quale causò la distruzione sia del canale sia delle infrastrutture, delle fabbriche e anche delle case dei navicellai che occupavano l’area intorno la Darsena. In seguito, furono gli stessi americani a ricostruire la zona, ma senza ripristinare il collegamento con l’Arno.

Nel dopoguerra il canale si ritrova a svolgere un ruolo marginale; varie società provarono ad occuparsene per rivitalizzare la situazione, ma nulla fu efficace fino al 1982 quando i Navicelli furono affidati al Comune di Pisa e nacque la Navicelli Spa, una società pubblico-privata che si è occupata, e si occupa tutt’oggi, dello sviluppo del canale e del porto. Sempre parte della riqualificazione dell’area, è stato l’ampliamento dell’edificio degli uffici per l’apertura del Centro Servizi 'Yachting Club', grazie al progetto Onda 2008: una palazzina progettata dall’architetto Roberto Pasqualetti che nella sua struttura sintetizza i mondi della nautica e del mare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Giani annuncia: "Dal 4 dicembre Toscana zona arancione"

  • Coronavirus, il governatore Giani: "Nei prossimi giorni chiederemo di tornare in zona arancione"

  • Toscana zona rossa, la denuncia di Confesercenti: "Concorrenza sleale della grande distribuzione"

  • Commercio in lutto: se ne va Gisberto Moisè, storico pizzaiolo pisano

  • Lutto nel commercio pisano: addio a Roberto Salvini, titolare del bar alle Piagge

  • Coronavirus in Toscana, oltre 1900 i nuovi contagi: calano i ricoveri

Torna su
PisaToday è in caricamento