menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il sindaco Conti con i ragazzi del liceo musicale 'Carducci' alla fine del concerto in Logge dei Banchi

Il sindaco Conti con i ragazzi del liceo musicale 'Carducci' alla fine del concerto in Logge dei Banchi

Giorno della Memoria, il sindaco Conti: "In silenzio contempliamo l'orrore della Shoah"

Il primo cittadino è intervenuto nel Consiglio comunale tutto dedicato al ricordo delle vittime dei lager

Consiglio comunale dedicato alla Giornata della Memoria oggi, mercoledì 27 gennaio. Il sindaco di Pisa Michele Conti è intervenuto alla cerimonia di commemorazione.
Il primo cittadino, dopo aver sottolineato le problematiche imposte dalla pandemia nella realizzazione delle consuete celebrazioni in presenza di questa ricorrenza, ha affermato: "Non ci è stato possibile neppure coinvolgere le scuole cittadine come lo scorso anno, quando ebbero la possibilità di ascoltare dalla viva voce della signora Tatiana Bucci, cittadina onoraria di Pisa dal 2013 insieme a sua sorella Andra, la testimonianza di una superstite della Shoah".

"Di quella mattina ricordo ancora il silenzio che accompagnò tutto il suo intervento. Eppure ad assistere all’incontro al Palazzo dei congressi c’erano mille studenti delle scuole pisane, dalle secondarie di primo grado alle secondarie superiori, compresa una classe di quinta elementare - ha proseguito Conti - quel silenzio fu il miglior riconoscimento al valore delle parole della signora Tatiana. Sappiamo quanto, oggi, i ragazzi siano distratti da tante cose e quanto poco si facciano conquistare dai racconti degli adulti. Ma quella mattina tutti rimasero ad ascoltare, commossi, quelle parole di verità su quanto di inumano, indicibile e drammatico era accaduto, 80 anni prima, anche a tanti loro coetanei, che avevano l’unico torto di essere ebrei".

Michele Conti ha aggiunto: "Sono sicuro che per quei nostri ragazzi, adulti di domani, aver ascoltato in silenzio e con commozione quelle parole e quei racconti servirà per la loro formazione di donne e uomini e per il loro diventare cittadini maturi e consapevoli che la liberà e l’umanità di ogni uomo e donna sono valori inviolabili e non negoziabili". "Il valore di questa Giornata deve essere proprio in questo momento di passaggio di testimonianza, verso le nuove generazioni, affinché l’insegnamento di quella generazione non vada perduto e componga la coscienza civica di ognuno".

"Noi crediamo fortemente nel valore del ricordo e della memoria, quale radice per costruire il futuro - ha sottolineato il sindaco di Pisa - senza consapevolezza di quello che è stato nessuna comunità, città o Nazione, può ambire ad avere un futuro. Anche per questo, la nostra Amministrazione ha dedicato e dedicherà molta attenzione al tema della Memoria. Pisa deve conoscere e riscoprire se stessa, la propria identità, impastata di arte, cultura ma anche di una storia che è fatta di luci e di ombre. Da quando ci siamo insediati abbiamo puntato molto a rimettere in fila gli appuntamenti che ne segnano quel calendario civico che è unico e deve essere sempre più condiviso per evitare di diventare una città bella ma senza anima".

"E il 27 gennaio è, per noi tutti, una giornata fondamentale su cui ricostruire la nostra identità, a partire dalla riflessione che proprio a Pisa, come sappiamo, vennero firmate dal Re Vittorio Emanuele III le legge razziali. E che permisero la vergogna delle discriminazioni di migliaia di nostri concittadini, studenti, lavoratori, docenti, espulsi dai luoghi di lavoro pubblici, dagli atenei, dalle scuole. E che infine subirono le deportazioni, i lutti, i dolori".

"Proprio per non dimenticare il 10 dicembre 2019, il Consiglio Comunale all’unanimità votò la cittadinanza onoraria alla senatrice Liliana Segre per il contributo 'da lei fornito per tramandare alle future generazioni la memoria dell’olocausto. E mi congratulo che proprio in questa giornata il nostro Ateneo abbia annunciato il conferimento alla signora Segre della Laurea honoris causa in Scienze per la Pace. Così come, la settimana scorsa, la Giunta Comunale ha deciso di intitolare a Anna Frank uno spazio pubblico, una rotatoria che presto verrà inaugurata con un cerimonia, vicino all’ingresso del Parco di San Rossore, dove fisicamente vennero firmate le leggi razziali. Ci è sembrato un riferimento doveroso, che ancora non era stato fatto ma che troviamo pieno di significato".

La conclusione di Conti: "Oggi, le istituzioni insieme alle comunità, al mondo della cultura, dell’associazionismo, ai semplici cittadini, hanno il dovere di proseguire questa difficile opera di sconfiggere l’ignoranza di quello che è stato per evitare che non si ripeta mai più e che sia per ognuno di noi l’occasione per rinnovare l’impegno a contribuire alla costruzione di un mondo più giusto, fondato sui principi di libertà e democrazia".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Covid, la Toscana passa in zona arancione

  • Eventi

    I film in uscita ad aprile su Amazon Prime Video

Torna su

Canali

PisaToday è in caricamento